“Quando la moglie è in vacanza”, una commedia attualissima, al Teatro Manzoni di Milano

“Quando la moglie è in vacanza”, una commedia attualissima, al Teatro Manzoni di Milano

Ghini-santarelliMassimo Ghini e Elena Santarelli, sono i protagonisti di “Quando la moglie è in vacanza“, debuttato al Manzoni di Milano il 30 gennaio per rimanere in scena fino al 16 febbraio.

Lo spettacolo si rifà al celebre testo di George Axelrod, messo in scena a Broadway nel 1952, ma diventato famoso sul grande schermo con Marilyn Monroe nel 1955. La trasposizione teatrale di questa versione italiana è di Edoardo Erba e sul palco, oltre ai due protagonisti ci sono Edoardo Sala, Anna Vinci, e Clara Costanza, Francesca Pisanello, Chiara Rosignoli,  Luca Scapparone, Davide Santoro.

Quando la moglie è in vacanza”, una commedia divertente e satirica, che mette in risalto l’ipocrisia della classe media e con sagace ironia gioca su quelle che sono le manie erotiche degli uomini di tutti i tempi, dove però il maschio italiano si riconosce, anche se oggigiorno sono lontani i tempi in cui il marito rimaneva da solo in città, mentre la moglie era in vacanza al mare.

Un grande debutto per la prorompente Elena Santarelli, interprete della bionda che improvvisamente entra nella vita di un uomo sposato, interpretato da Masimo Ghini, che da prova non solo di ottima presenza scenica ma anche di buone perfomance canore.

Il regista Alessandro D’Alatri ha comunque saputo ben equilibrare per il pubblico italiano un testo già riattualizzato che ben rende le dinamiche di un tema universale che non ha confini, nonostante il testo originale mantiene intatta la sua freschezza nel descrivere i comportamenti nella coppia.

Non si pensi però di poter confrontare questo spettacolo con il film perchè non c’è niente di uguale, quindi aspettatevi qualcosa di completamemte diverso in una originale chiave di lettura dei protagonisti, sotto la guida esperta di D’Alatri.

Rimangono le stesse le ambizioni di una ragazza rampante nel mondo della pubblicità che grazie alla sua fisicità conturba la quiete di questo maschio latino, che si lascia andare a delle fantasie erotiche ma, dopo essre stato rinvigorito dal bombardamento ormonale, si fa prendere da sensi di colpa del suo subconscio che parla attraverso delle proiezioni in scena.

Anche la ragazza appare insicura e da un lato mette con fare civettuolo mette in mostra le sue doti capaci di attrarre l’uomo maturo,  ma poi sfugge assalita anche lei dalla voce della sua coscienza. La passione però ha il sopravvento anche se alla fine l’uomo con grande ipocrisia rimuove tutto e torna dalla moglie.

Intense le musiche originali di Renato Zero che danno un tocco ed un’impronta di carattere alla rappresentazione italiana di quello che è stato un successo di Brodway.

La scenografia di Aldo Buti, con un l’imponente scaffale-libreria sullo sfondo, vuole rappresentare il mondo benpensante e colto dell’abitante del salotto in cui si svolge la storia, ambientata nella Roma di oggi e distinguibile dallo scorcio panoramico che si intravede dal terrazzo al centro di movimentate vicende.

I due protagonisti, per il ciclo “Gli incontri di Milano per lo spettacolo”, incontreranno il pubblico presso MONDADORI MULTICENTER DUOMO P.zza Duomo, 1 – Spazio Eventi – Terzo piano Mercoledì 5 febbraio alle ore 18 con la conduzione di Antonio Calbi, Direttore del Settore Spettacolo, Moda e Design del Comune di Milano.

Sebastiano Di Mauro
1 febbraio 2014

Teatro Manzoni – Via Manzoni 42 Milano
dal 30 gennaio al 16 febbraio 2014
Biglietto feriali: poltronissima € 34,00; poltrona € 22,00
sabato e domenica: poltronissima € 37,00; poltrona € 27,00
Orari: feriali ore 20,45 – domenica ore 15,30
Tel. 02.763.69.01
Fax 02.760.054.71
mail: [email protected]

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook