“Frankenstein Junior” torna al Brancaccio di Roma ed è di nuovo successo

“Frankenstein Junior” torna al Brancaccio di Roma ed è di nuovo successo

frankenstein-junior-al-brancaccioE mentre il cinema decide di celebrarne i quarant’anni portando nelle sale la versione restaurata e digitalizzata del capolavoro di Mel Brooks (il 26 novembre, e solo per un giorno), il pubblico del Brancaccio di Roma si delizia nuovamente delle repliche della passata stagione teatrale di “Frankenstein Junior“, spettacolo prodotto dalla Compagnia della Rancia e recentemente trasformato in un divertente dvd “Frankenstein Junior – On stage edition”, una nuova edizione limitata in Blu-ray che include un inedito speciale tratto dal backstage del musical. Il ritorno a teatro del musical diretto da Saverio Marconi è avvenuto non a caso in concomitanza con la settimana di festeggiamenti per il compleanno dell’originale film e straordinario si è riconfermato il nuovo esordio al teatro Brancaccio: il pubblico romano ha dimostrato di gradire la sensazionale simpatia dei protagonisti ricompensandoli, a fine rappresentazione, con ripetuti e calorosi applausi.

Frankenstein-Junior-RomaClassico della commedia americana per eccellenza, “Frankenstein Junior” è una delle più belle parodie mai scritte e sceneggiate. Dirette dal sopracitato Mel Brooks, di cui è anche sceneggiatore assieme a Paul Oxon, il film è campione d’incassi nel 1975 e vede Gene Wilder nei panni del dottor Frankenstein; la pellicola, interamente ispirata al racconto frutto della penna creativa di Mary Shelley e ai celebri film dell’epoca in bianco e nero, passa poi dal cinema al teatro con un musical in scena a Broadway per 485 repliche dal 2007 al 2009. A curarne la versione italiana è Saverio Marconi, con la regia associata di Marco Iacomelli, che ha debuttato lo scorso 19 novembre; lo spettacolo, che si è confermato ancora una volta un classico della risata, ha visto Giampiero Ingrassia vestire i panni del brillante e stimato dottor Frederick “Frankenst-I-n”. Fuori dall’ordinario, travolgente ed estremamente divertente, Giampiero è il protagonista indiscusso della commedia e conquista il pubblico del Brancaccio già dalle prime battute e dal primo numero musicale (“Il cervello”) dimostrandosi, come sempre, padrone del palcoscenico.
ingrassia-Frankenstein-JuniorDalla voce calda e coinvolgente, Ingrassia mostra il suo eccellente talento nella recitazione e si muove in maniera leggera e delicata rendendo unico ogni singolo momento del musical. Più di 700 candidati si erano presentati lo scorso anno alle audizioni per giocarsi l’opportunità di interpretare uno dei celebri personaggi del film cult. Sul palco, al fianco di Ingrassia, ritroviamo Giulia Ottonello che interpreta l’odiosa ed egocentrica fidanzata di Frederick ma che stupisce ed ammalia la sala grazie al suo talento ed alla sua prorompente simpatia. Igor (o altrimenti detto Aigor) è interpretato da un magnifico Mauro Simone che bene sa recitare la parte del servo fedele e non curante della propria gobba; la sinistra e misteriosa governante del castello, Frau Blucher, il cui nome incute terrore persino ai cavalli, ha il volto di una favolosa Altea Russo che quasi strappa lo scettro della simpatia al personaggio di Igor; Valentina Gullace è, invece, l’irriverente Inga, giovane e sempre premurosa assistente del dottore di cui lo stesso si innamorerà. Il baritono Fabrizio Corucci è la creatura riportata in vita grazie agli esperimenti del dottor Frankenstein e della sua squadra di particolari aiutanti. Curatissime ad avvincenti sono le scenografie, il loro susseguirsi risulta ritmico ed incalzante; ciò che colpisce dell’intero spettacolo è la fenomenale naturalezza delle scene: gli attori si muovono con rasserenante scioltezza, come se fossero nati e cresciuti su quel palcoscenico, e mettono gli spettatori nella condizione di gustarsi al meglio ogni singolo frangente del musical. L’atmosfera del castello, del laboratorio e degli altri ambienti è ricreata dalle scenografie disegnate dalla maestria di Gabriele Moreschi; le coreografie, frutto del talento di Gillian Bruce, spaziano dal tip-tap all’energia di “Transilvania Magica” e si fondono in un mix perfetto di tecnica, simpatia e ritmo. I trucchi e le parrucche sono ideate da Antonella Marinuzzi, i costumi da Carla Accoramboni. Lo spettacolo rimarrà al teatro Brancaccio fino al 1° dicembre.

Per info:
www.frankensteinjuniorilmusical.it
www.facebook.com/ frankensteinjuniorilmusical
Twitter : CompagniaRancia #musical # frankensteinjunior

Eleonora La Rocca
26 novembre 2013

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook