IL SERVO DI SCENA DI HARWOOD… E BRANCIAROLI AL TEATRO BELLINI DI NAPOLI

IL SERVO DI SCENA DI HARWOOD… E BRANCIAROLI AL TEATRO BELLINI DI NAPOLI

servo-di-scena-teatro-belliniIn scena al Teatro Bellini di Napoli, un omaggio al teatro, ai sui protagonisti, ai personaggi, ai volti, alle storie che nascono, si celano e muoiono dietro un drappo rosso.
Servo di scena”, di Ronald Harwood, diretto ed interpretato da Franco Branciaroli, grazie all’impeccabile traduzione di Masolino D’Amico, in programma fino al 24 Novembre, è per certi versi un inno, di passione, di coraggio, un’immagine sbiadita dalle bombe del secondo conflitto mondiale, ma carica d’amore e colori.
Il profilo, le parole, l’ironia di Norman, fidato servo di scena di un attore shakespeariano ormai al tramonto, accompagnano lo spettatore dietro le quinte di un faticoso allestimento del “Re Lear”, dove pochi attimi prima del debutto, tutto è ancora incerto, instabile, in attesa di un guizzo che restituisca l’armonia e le certezze smarrite.
E’ il teatro che chiama, e “Sir” risponderà con fierezza, senza dar conto a se stesso ed ai suoi giorni. E’ la magia, il fuoco, la scintilla di un’arte indomabile ad accompagnare gli ultimi momenti di una storia d’amore e d’odio, di finzione e realtà, di lacrime e sorrisi.
In scena, ad accompagnare Franco Branciaroli, Lisa Galantini, Melania Giglio, Daniele Griggio, Giorgio Lanza e Valentina Violo. Fedeli testimonianze di un’epoca lontana, le scene ed i costumi di Margherita Palli.
Omaggio all’Inghilterra e a Shakespeare – si legge nella presentazione – Il servo di scena è soprattutto un inno al teatro, alla sua capacità di resistere in tempi difficili, alla sua insostituibilità.
Nella figura del servo Norman – continua – trapela la ragione profonda della sua forza: il teatro è invincibile perché non ha padroni, non cerca ricompense, è invincibile perché la ragione profonda della sua esistenza sta nella sua gratuità”.
In scena al Bellini di Napoli è il teatro.. arte, vita, amore, morte. ogni cosa e niente…

 
Paolo Marsico
22 movembre 2013

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook