Luca De Filippo e “La Grande Magia” al Teatro Bellini di Napoli

Luca De Filippo e “La Grande Magia” al Teatro Bellini di Napoli

La grande magiala vita è un gioco, e questo gioco ha bisogno di essere sorretto dall’illusione, la quale a sua volta deve essere alimentata dalla fede…. Ogni destino è legato ad altri destini in un gran gioco eterno del quale non ci è dato scorgere se non particolari irrilevanti”. Amava rispondere cosi Eduardo De Filippo, a chi chi gli chiedeva, cosa avesse voluto dire con “La Grande Magia”. Oggi, a propiziore ancora una volta, dubbi, ipotesi, convinzioni vere o presunte, il meraviglioso allestimento della stessa commedia , messo in scena al Teatro Bellini di Napoli, per la prima volta venerdì 25 ottobre, e fino al prossimo 3 Novembre, dalla Compagnia di Teatro di Luca De Filippo. Sul palco, ad accompagnare l’efficace e meticolamente curata interpretazione di Luca De Filippo (nel ruolo del carismatico Otto Marvuglia) , che dello spettacolo è anche regista, tra gli altri, Massimo De Matteo, Nicola di Pinto e Carolina Rosi. Impeccabili ed efficaci le scenografie ed i costumi (opera di Raimonda Gaetani), cosi come le luci (di Stefano Stacchini), riferimenti e guide fedeli per lo spettatore, nella determinazione del tempi, dei luoghi (scenografie) o nella percezione di magnifici ed emozionanti momenti di puro teatro (luci). “Le ragioni per le quali si sceglie una commedia sono sempre molteplici ed è difficile trovare a tutte una spiegazione.

“La Grande Magia – scrive Luca De Filippo – nasce in un contesto storico affine a quello di Napoli milionaria!, Filumena Marturano e Le voci di dentro; tuttavia trovo che questa commedia, rispetto alle altre che ho messo in scena sino ad ora, abbia uno sviluppo differente e del tutto originale. Fu rappresentata solo in due occasioni, in passato, una prima volta da Eduardo stesso, poi da Giorgio Strehler, nel suo spettacolo al Piccolo, e sono per me due grandissimi precedenti. Se negli altri tre testi che ho citato – continua – Eduardo aveva riflettuto sulla società, con i limiti, le ipocrisie, i condizionamenti che imponeva all’individuo, nella Magia lascia spazio all’introspezione e all’amara disillusione sulla possibilità di assistere, in Italia, ad un reale cambiamento. La speranza di un’inversione di tendenza – prosegue – è venuta meno: all’individuo non resta che cullarsi nell’illusione che tutto vada bene, una scelta valida, utile a sopravvivere, ma perdente, nel privato, come nel pubblico. E’ un Eduardo cinico e disincantato – conclude – quello che scrive La grande magia, che ci consegna l’immagine di un’Italia immobile, prigioniera di circostanze immutabili, un paese che si lascia scivolare in un insensato autoinganno: come Calogero Di Spelta, preferisce credere che Marta, la moglie, non sia fuggita con l’amante, bensì che lo attenda chiusa nella piccola scatola di legno che l’illusionista Otto Marvuglia gli ha consegnato…”

Paolo Marsico
28 ottobre 2013

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook