Un Poyo Rojo: responsabilità individuale e collettiva per tornare a disegnare il futuro

Un Poyo Rojo: responsabilità individuale e collettiva per tornare a disegnare il futuro

Un Poyo Rojo è il divertente spettacolo del regista argentino Gaido Hermes con i performers Luciano Rosso e Alfonso Barón presentato al Teatro Franco Parenti di Milano sino al 17 giugno 2021.

La performance dei due artisti, che unisce in un mix pirotecnico teatro, danza e acrobatica, si inserisce perfettamente nella filosofia della programmazione estiva del Teatro Parenti che vuole essere, specie post pandemia, positiva, propositiva, stimolo per tornare a disegnare il futuro.

In scena vediamo due ginnasti in canotta e pantaloncini aderenti neri. Sono in una palestra, con una panca ed un armadietto sportivo sul fondo del palco.

I due si esibiscono in grandi performance ginniche. Non comunicano con parole, ma sono i loro corpi a farlo con un linguaggio primordiale che investe anche il pubblico.

Al movimento di uno, risponde un movimento dell’altro in un moto perpetuo dove le linee dei loro corpi sembrano generare un gigantesco arabesco gioioso. Li vediamo dapprima pavoneggiarsi in esercizi difficili mentre entrambi si guardano con ammirazione. Ma presto, in un crescendo continuo, all’ammirazione segue l’imitazione, poi la competizione, infine la rivalità.

Comincia allora un gioco gioioso di creatività senza pari, che diverte moltissimo il pubblico. I due diventano modelli da sfilata, animali da combattimento o in amore, uccelli canori, speaker muti che “lasciano parlare sigarette”.

Il pubblico si lascia travolgere da questa masquerade ginnica. I corpi sembrano infatti imprimere l’uno nell’altro il movimento iniziato da uno, diventando un unico corpo, una unica linea. Proprio come “La Linea” di Osvaldo Cavandoli ( sigh, lo ammetto, sono un boomer che ricorda Carosello) dove i due corpi diventano parte integrante della linea stessa.

Un Poyo Rojo: tornare a disegnare il futuro, la dimensione individuale e collettiva della responsabilità

Un Poyo Rojo, diverte, ma non solo.

C’è in questo spettacolo apparentemente solo fisico, tutto quello che serve per tornare a disegnare un futuro dopo questo periodo cupo del covid, che ha lasciato siccità intorno a noi.

Questi corpi che tanto ci fanno divertire, lanciandosi in movimenti acrobatici fantasiosi, sfidando ad ogni momento la forza di gravità, ci insegnano infatti molto.

Ci raccontano che per sfidare la pesantezza c’è bisogno di un duro lavoro di grande responsabilità individuale, di esercizio e disciplina quotidiana, perché se uno sbaglia, fa sbagliare anche l’altro. Lavorare su se stessi e per se stessi quindi, per poi lavorare insieme agli altri. Solo cosi si può costruire una responsabilità collettiva, sfida per il prossimo futuro.

Teatro Franco Parenti,Via Pier Lombardo, 14, 20135 Milano MI

tel biglietteria 02 59995206
[email protected]

Un poyo rojo

coreografia Luciano Rosso, Nicolás Poggi
regia Gaido Hermes
con Luciano Rosso e Alfonso Barón

produttori Jonathan Zak e Maxime Seuge
produzione in Italia Carnezzeria srls

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook