Io, Trafficante Di Uomini: talento criminale

Io, Trafficante Di Uomini: talento criminale
Io, trafficante di uomini_Giampaolo Musumeci, Margherita Saltamacchia_d'archivio Teatro dell'Argine_opt

Io, Trafficante Di Uomini è lo spettacolo di e con Giampaolo Musumeci e Margherita Saltamacchia, andato in scena dal 19 al 20 ottobre 2019 al Teatro della Cooperativa di Milano, sempre attento all’indagine sulla contemporaneità.

Un affresco a volte nitido a volte aggrovigliato sul fenomeno dell’immigrazione clandestina raccontato però da una prospettiva diversa: quella dei trafficanti di uomini.

Io, Trafficante Di Uomini è infatti tratto liberamente dal libro Confessioni di un trafficante di uomini (Ed. Chiarelettere di Andrea Di Nicola e Giampaolo Musumeci), che indaga sull’industria dei trafficanti, fatta di grandi professionisti del crimine, gente in doppiopetto, uomini d’affari, armatori, il cui fatturato è secondo solamente a quello della droga.

Sullo sfondo storie e geografie all’apparenza distanti si incrociano, si mescolano, insieme a confini e dogane.

Ecco che tra i primi trafficanti si annoverano coloro che in Irak trasportarono in Turchia i disertori dell’esercito di Sadam Hussein altrimenti destinati alla pena capitale. C’è una sorta di educazione sentimentale criminale unito ad un talento ed una fantasia criminale che lega questi uomini, tendenzialmente colti ed eleganti che parlano diverse lingue ed anche tutti i dialetti arabi e si muovono con leggerezza tra meridiani e paralleli.

I migliori, vengono chiamati dalle “anime morte traghettate” agenti o perfino benefattori.

Perchè anche tra i trafficanti ci sono quelli “rassicuranti e professionali”che chiedono un acconto prima della partenza e il saldo all’arrivo a destinazione, e i delinquenti, che rivendono i migranti a commercianti di morte (trafficanti di organi o altro).

Io, Trafficante Di Uomini vede in scena Giampaolo Musumeci, nel ruolo di giornalista d’inchiesta e Margherita Saltamacchia, che recita una giovane siriana, arrivata sana in Svizzera da un paio di anni. Come una Arianna moderna, dipana il suo filo  nel labirinto del traffico di uomini. Il dialogo tra i due personaggi è inframezzato da considerazioni dell’attore giornalista, da piccole ricostruzioni storiche e sue testimonianze personali relative ad incontri con trafficanti. Sulla scena scura e spoglia solo due puff e un piccolo tavolino con del the.

Io, Trafficante Di Uomini, in prima nazionale, è una produzione del Teatro dell’Argine in collaborazione con Teatro Sociale Bellinzona

Teatro Della Cooperativa, via privata Hermada 8 – Milano

Tel. 02 6420761, [email protected], www.teatrodellacooperativa.it

Io, Trafficante Di Uomini, prima nazionale

di e con Giampaolo Musumeci, Margherita Saltamacchia
tratto da Confessioni di un trafficante di uomini di Giampaolo Musumeci e Andrea Di Nicola, Chiarelettere, 2014
scenografie Carmela Delle Curti
regia Andrea Paolucci

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook