School of Rock-Il musical al Teatro Sistina: una storia di musica ed amicizia

School of Rock-Il musical al Teatro Sistina: una storia di musica ed amicizia

Il Teatro Sistina di Roma mette in scena un musical che è il riadattamento in italiano di un film conosciuto e amato, School of Rock, con protagonista Jack Black. In scena al Sistina fino al 24 marzo, il musical diretto da Massimo Romeo Piparo, sarà in tournée fino al prossimo dicembre nelle principali città italiane, già in programma le date di Genova, Firenze, Trento, Assisi, Trieste, Parma, Milano.

La trama ha come protagonista la musica, che avrà il potere di unire i membri della classe e ammorbidire l’eccessiva fiscalità e severità dell’impostazione della scuola Horace Green. A creare scompiglio nella ben scandita routine della Horace Green guidata dall’integerrima Preside Rosalie Mullins, nel film Joan Cusack e qui Vera Dragone, è Dewey Finn interpretato da uno spumeggiante Lillo in versione solitaria, senza il suo consolidato “partner in crime”, Greg.

Lo spettacolo colpisce innanzitutto per la musica, tutta rigorosamente dal vivo. Sul palco vediamo una band “adulta” sotto la direzione musicale di Emanuele Friello e ben tre rock band, che si alternano nel corso delle serate e sono composte da un cast-teen d’eccezione costituito dai ragazzi dell’Accademia Sistina. I ragazzi che studiano nella scuola diretta da Massimo Romeo Piparo sono giovanissimi e talentuosi, di un talento già poliedrico nella musica, come nel canto e nella danza.

La musica è una forma di intelligenza, stimola la creatività e la nascita di legami di amicizia vera e profonda come quella tra i ragazzi e il finto professor Schneebly (il vero Ned Schneebly è portato in scena da Matteo Guma). Anche quando Schneebly si rivela un impostore, i ragazzi non smettono di supportare quello che per loro è stato un vero insegnante, l’insegnante che li ha portati sul terreno del rock a scoprire capacità insospettabili nella musica.

Gli attori presenti in scena spiccano per le loro doti a partire dalla Preside Mullins e da Patty, rispettivamente Vera Dragone e Selene Demaria, due attrici dalle voci straordinarie. Per non parlare poi del versatile, eclettico protagonista di questo musical, Lillo. Ad apertura di musical fa forse un effetto strano vederlo in questa veste solitaria, ma basta poco per apprezzarne la versatilità e la capacità di essere perfettamente in linea con il mood della trama e con il modello di riferimento cinematografico rappresentato dall’attore comico Jack Black.

Lillo canta, suona, incita i ragazzi a credere in se stessi, è un maestro, un coach e alla fine diventa un idolo. Il musical ricalca abbastanza fedelmente la trama del film con qualche licenza, come l’accenno alla storia d’amore tra Dewey Finn e la Preside Mullins. Degna di menzione è la scelta di portare in scena una famiglia arcobaleno, ossia la famiglia di Tomika, il talento nascosto della classe che riesce alla fine ad emergere come voce solista, che nel musical è la figlia adottata di una coppia omosessuale.

Il musical è fedele al film originale anche dal punto di vista musicale. L’inedito del professor Schneebly è ricalcato in versione italiana sull’inedito del film, mentre le altre canzoni sono riadattate per musica e parole, ma il riadattamento resta fedele alla trama. Lo spettacolo è poi intervallato da alcuni intermezzi musicali del tutto originali, cantati dai ragazzi che hanno modo di esprimere il loro talento anche veicolando messaggi importanti, come nel caso di un’affettuosa richiesta di maggiori attenzioni da parte della famiglia, una richiesta in cui molti ragazzi di oggi potrebbero rispecchiarsi e che potrebbero trovarsi a rivolgere a genitori spesso troppo distratti.

School of rock è una storia di musica, integrazione, amicizia. Una storia a lieto fine, che esalta il potere positivo ed educativo della musica e della sua importanza per i più giovani. Ne è la riprova la conclusione della storia di Dewey Finn. Nonostante il suo inganno, ciò che ha realizzato insieme ai ragazzi va premiato ed è così che verrà assunto dalla Horace Green come insegnante di musica nel doposcuola.

Per info e date:
www.schoolofrock.peeparrow.com
www.ilsistina.it

 

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook