La Versione di Barney al Teatro Libero

La Versione di Barney al Teatro Libero

la versione di BarneyTorna in scena al Teatro Libero dal 14 al 26 maggio il bestseller di Mordecai Richler, pubblicato nel 1997 e divenuto film nel 2010.
Lo spettacolo, di Massimo Vincenzi, vede Antonio Salines nella parte del protagonista, l’amato e odiato Barney Panofsky. L’uomo, ricco ebreo canadese figlio di poliziotto e produttore televisivo di successo, arrivato a sessant’anni decide di raccontare, anche se controvoglia, la sua vita in un libro. Inizia questa ricostruzione per chiarire il mistero della morte dell’amico Bernard Boogie Moscovitch, per la quale Barney è accusato di omicidio dallo scrittore Terry McIver, suo compagno al tempo del soggiorno a Parigi.
L’autobiografia – che è quindi “la versione di Barney” – è una serie di flashback disordinati, di ricordi sempre più confusi non aiutati di sicuro dall’Alzheimer di cui soffre il protagonista. Gli episodi di un movimentato passato si intrecciano con gli avvenimenti del presente del “vecchio” Barney, debilitato, abbandonato dalla moglie (la terza!) ed alcolista irrecuperabile. I ricordi di questa vita ricca di avvenimenti e incontri sono mostrati al pubblico attraverso le creazioni video di Enzo Aronica.
Alla fine, dopo che la malattia ha fatto il suo corso, sarà fatta luce sulla misteriosa morte dell’amico Boogie e resa “giustizia” al protagonista.

Eleonora Franzoni
11 maggio 2013

INFO:
di Massimo Vincenzi
dal romanzo di Mordecai Richler
con Antonio Salines
con la partecipazione in video di Virgilio Zernitz (Izzy Panofsky), Gabriella Casali (Miriam, la terza signora Panofsky), Fabrizio Bordignon (Boogie), Monica Belardinelli (la seconda signora Panofsky), Elisabetta Ventura (Clara, la prima signora Panofsky)
e con la partecipazione in voce di Carlo Emilio Lerici (il Dottore), Francesca Bianco (Kate Panofsky), Luca Fiamenghi (Saul Panofsky)
musiche originali Francesco Verdinelli
regia video Enzo Aronica
regia Carlo Emilio Lerici
produzione Teatro Belli

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook