Un Cuore Di Vetro In Inverno, Timi più fantastico che surreale

Un Cuore Di Vetro In Inverno, Timi più fantastico che surreale
Un cuore divetro in inverno uno spettacolo di e con Filippo Timi e con Marina Rocco, Elena Lietti, Andrea Soffiantini, Michele Capuano luci Camilla Piccioni produzione Teatro Franco Parenti / Fondazione Teatro della Toscana

É una sorta di tela di Chagall, Un Cuore Di Vetro In Inverno, lo spettacolo di Timi, autore, interprete e regista, andato in scena al Teatro Parenti di Milano, dal 30 ottobre all’11 novembre 2018.

Ed in effetti lo spettacolo procede per quadri. C’è un cielo stellato che alla volte diventa buio, un menestrello triste, come un suonatore di violino zigano, un angelo che sembra caduto dal cielo, la prostituta e il giovane scudiero; c’è poi, come nei quadri del pittore bielorusso, una candela accesa, che è l’amore materno che si consuma per illuminare la notte fredda.

Al centro, una sorta di ebreo errante; ma la religione qui non c’entra. È un cavaliere, Timi, che erra nella vita inseguito dalla sua ansia e appesantito dall’armatura messa per proteggersi dalla guerra contro la vita, un drago gigantesco che sputa fuoco. Prima di indossare l’armatura da cavaliere, Timi appare in scena con un abito da sposa. Ma la purezza, l’animo candido, i sogni ad esso collegati, restano presto chiusi fuori della porta.

Ti amo, anima mia, mentre ti vedo volare via, canta Timi in una sorta di fado perugino. E allora, mentre cresce la paura, via anche l’abito da sposa. Meglio mettersi a nudo, o, ancora meglio, bardarsi con tanto di armatura per andare a uccidere il drago.

La vita intanto passa beffarda accanto, non abbraccia, anzi, quando viene troppo vicino, calpesta con le angoscie. Ma a ben vedere, ha ragione la simpatica puttana emiliana: essa è più semplice di come uno se la complichi. Basta accettare la propria finitezza e amare!

Non pensate però ad una dimensione solo melanconicamente intimistica di questo suggestivo viaggio di Timi e della sua corte strampalata, che dalla luna vi porta in un inverno di ghiaccio per uccidere il drago.

La compresenza dei tanti Timi e dei suoi stili, fa, in Un Cuore Di Vetro In Inverno, corto circuiti continui, tra sacro e profano, fantasioso e giullaresco, fiabesco e circense, tra Vivaldi e Gigi d’Alessio.

Teatro Franco Parenti, Via Pier Lombardo 14 – 20135 Milano


Biglietteria
tel. 0259995206, [email protected]

Biglietteria on line : www.teatrofrancoparenti.it App Teatro Franco Parenti

Sala Grande
Dal 30 ottobre all’11 novembre 2018

Un Cuore Di Vetro In Inverno

uno spettacolo di e con Filippo Timi
e con Marina Rocco, Elena Lietti, Andrea Soffiantini, Michele Capuano
luci Camilla Piccioni
assistente alla regia Benedetta Frigerio
direttore di scena Alberto Accalai
macchinista Mattia Fontana
elettricista Lorenzo Bernini
fonico Emanuele Martina
sarta Caterina Airoldi
amministratrice di compagnia Beatrice Cazzaro
direttore tecnico Lorenzo Giuggioli
scene costruite presso il laboratorio del Teatro Franco Parenti
costumi realizzati presso la sartoria del Teatro Franco Parenti diretta da Simona Dondoni
produzione Teatro Franco Parenti/ Fondazione Teatro della Toscana

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook