Teatro Brancaccio, una nuova stagione nel segno del numero 7

Teatro Brancaccio, una nuova stagione nel segno del numero 7

Alessandro Longobardi giunge al settimo anno di direzione artistica di uno dei teatri più famosi di Roma, il Teatro Brancaccio, situato in una delle vie romane più affascinanti, via Merulana. Il numero 7, il numero della creazione del mondo, dei Re di Roma, delle note musicali si trova ad assurgere a simbolo della nuova stagione ed in suo onore ad ottobre sarà inaugurata la seconda galleria del Teatro. La programmazione 2018/1019 riconferma il Brancaccio come un teatro versatile e multiforme, pronto anche quest’anno ad ospitare spettacoli che spaziano dal genere drammatico a quello comico, dal musical alla danza.

Brancaccio, stagione 2018/2019

L’apertura della stagione, dal 3 al 21 ottobre, è affidata al musical “La piccola Bottega degli orrori”, per la regia di Davide Nebbia, musical cult del 1982, basato sul film del 1960 con le musiche di Alan Menken e i testi di Howard Ashman.

Il 21 ottobre torna Edoardo Ferrario con il suo nuovo one man show dal titolo “Diamoci un tono”, che segna il suo ritorno sul palcoscenico dopo il successo di Edoardo Ferrario Show. In maniera ironica e satirica vengono affrontate le anomalie e le ansie di un presente quanto mai strano.

Il debutto più atteso è per la riproposizione a teatro di un film vincitore di ben 7, (non a caso) premi Oscar: Shakespeare in Love, capolavoro di Marc Norman e Tom Stoppard, adattato da Lee Hall alla versione teatrale (con musiche di Paddy Cunneen). La traduzione italiana è stata di Edoardo Erba, per la regia di Giampiero Solari, associata a Bruno Fornasari. Nel ruolo di Viola, nel film interpretata da Gwyneth Paltrow, troveremo Lucia Lavia e in quello di Will Shakespeare, Marco De Gaudio. La prima è prevista il 31 ottobre e lo spettacolo sarà in sala fino al 18 novembre.

Dopo il grande successo ottenuto, arriva al Brancaccio in due date, il 6 e il 26 novembre lo spettacolo “Up&Down”. Sul palco insieme all’attore e comico toscano Paolo Ruffini recitano gli attori della compagnia Mayor von Frinzius, compagnia teatrale livornese nata nel 1997, composta da 97 attori, metà dei quali persone con disabilità.  Per la regia di Lamberto Giannini e la consulenza artistica di Claudia Mazzeranghi e con l’accompagnamento musicale di Claudia Campolongo al pianoforte, questo spettacolo invita alla solidarietà e alla riflessione sulla normalità e la disabilità, due concetti meno discriminatori dell’uso che ne facciamo. Tutto questo a suon di risate e comicità.

A grande richiesta, dal 22 novembre al 6 gennaio, torna nella sua settima stagione la commedia musicale “Aggiungi un posto a tavola”, con Gianluca Guidi, Emy Bergamo, Marco Simeoli, Beatrice Arnera, Piero Di Blasio e Francesca Nunzi, mentre la voce di lassù è di Enzo Garinei. La ripresa teatrale della commedia è dello stesso Gianluca Guidi, che ripensa e riadatta la commedia musicale del 1974 di Pietro Garinei e Sandro Giovannini, scritta con Jaja Fiastri e musicata da Armando Trovajoli, ispirata a “After me the deluge” di David Forrest. Gianluca Guidi eredita dal padre Johnny Dorelli, protagonista della prima edizione della commedia, il ruolo di Don Silvestro, parroco di un tranquillo paesino di montagna che un giorno riceve una chiamata direttamente dai piani alti, a seguito della quale verrà incaricato di costruire una nuova arca per salvare tutto il paese dall’arrivo del secondo diluvio universale.

Aggiungi un posto a tavola

A partire da febbraio si susseguiranno tre one man show: Giorgio Montanini l’11 febbraio in “Montanini Live 2019”; la comicità di Angelo Pintus in scena dal 12 al 17 febbraio con “Destinati all’estinzione”; dal 18 al 20 febbraio il nuovo spettacolo, Insomnia, di un personaggio sempre molto atteso come Beppe Grillo.

Dal 7 al 31 marzo andrà in scena il musical “Priscilla La Regina del deserto”, spettacolo di Stephan Elliott e Allan Scott con la regia di Simon Phillips. La regia italiana è affidata a Matteo Gastaldo e la direzione musicale a Fabio Serri. Il musical è tratto dall’omonimo film cult “Le Avventure di Priscilla La Regina del Deserto”, vincitore di un Premio Oscar. La storia vede tre amici in un viaggio “on the road” attraverso il deserto australiano a bordo di Priscilla, un vecchio bus rosa.

Priscilla La Regina del Deserto

Si aggiungono a questo già fitto programma i concerti di Iva Zanicchi, Loredana Bertè, Lina Sastri, Edoardo De Crescenzo, Sal Da Vinci, Neri Marcorè, Christian De Sica; e ancora gli spettacoli di Paolo Cevoli, Gabriele Cirilli, Paolo Migone, l’illusionista Gaetano Triggiano; per quanto riguarda gli spettacoli di danza “Cenerentola on Ice“, la Parsons dance, i musical Aladin e Actor Dei e due compagnie di circo contemporaneo.

Brancaccino Teatro Ragazzi

Anche i più piccoli hanno una programmazione loro dedicata al Brancaccino Teatro Ragazzi, che rinnova per il sesto anno consecutivo la stagione per i bambini dai 2 ai 10 anni. “Il sole suonatore e la luna cantante” della compagnia Teatro Viola mette in scena la fiaba dello scrittore per bambini Bruno Toglionini, che narra le vicende di Cirino e Coretta, due fratelli alla ricerca del Sole e della Luna.

Nel periodo natalizio il Brancaccino ospiterà lo spettacolo “Natale: in cielo, in terra, in fondo al mare”, quattro racconti portati in scena dalla Compagnia Ferruccio Filipazzi. Ancora a febbraio i più piccoli potranno assistere a “Baby Terra”, della compagnia milanese Eccentrici Dadarò, uno spettacolo interamente dedicato al racconto della storia del nostro pianeta e della sua nascita.

Taro, il pescatore” sarà portato in scena ad aprile dal Teatro del Piccione di Genova. Danila Baronio narra la storia di Taro, un giovane pescatore che un giorno pescherà qualcosa di inaspettato che cambierà per sempre la sua vita. Per finire, prima delle vacanze pasquali, “Casa dolce casa” è lo spettacolo firmato Residenza Idra, incentrato su un luogo che per i bambini è così comune e consueto, ma al tempo stesso così intimo e vicino, come la casa.

STAP Brancaccio

Non dimentichiamo, poi, come il Brancaccio sia un luogo di alta formazione artistica. La STAP (Scuola di Teatro e Arti Performative) Brancaccio è un centro artistico che offre corsi di teatro, recitazione, musical e danza; i corsi sono diversi, rivolti a bambini, ragazzi e adulti e pensati sia per chi vuole semplicemente trovare espressione alla propria creatività, sia per chi vuole formarsi a livello artistico. La STAP Brancaccio Accademia di recitazione, drammaturgia e regia, nata cinque anni fa da un’idea di Alessandro Longobardi e sotto la direzione artistica di Lorenzo Gioielli, è un’accademia di alta formazione artistica professionale per giovani dai 18 ai 26 anni, finalizzata all’ottenimento del diploma di attore; le attività per l’anno accademico 2018/2019 inizieranno il prossimo 29 ottobre.

 

Teatro Brancaccio
Indirizzo
Via Merulana, 244 – Roma 00185

Info
[email protected] / 06 80687231

Orari botteghino
Lunedì chiuso (centralino operativo)
Martedì – Venerdì ore 10:00-19:00
Sabato ore 12:00-19:00
Domenica chiuso

 

Per ulteriori informazioni, orari e biglietti:
https://www.teatrobrancaccio.it/
https://stapbrancaccio.com/

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook