“STOMP”, una travolgente jam session di Puro Ritmo Urbano

“STOMP”, una travolgente jam session di Puro Ritmo Urbano
"Stomp" in scena al Teatro Brancaccio

Lo spettacolo è senza parole (ovviamente): in scena, dove otto indiavolati otto, sornioni e infaticabili rullano e saltano alla scoperta dei suoni nascosti (degli ordinari oggetti di scena, dei loro corpi, del pubblico). In platea (e galleria) del Brancaccio, dove un pubblico altrettanto appassionato trattiene a stento gli applausi, finalmente sfogandosi in una standing ovation spella-mani.

Il minimo che si possa dire dello show degli STOMP (o meglio, d’una delle cinque troupes che girano il mondo portando questi ritmi) è che è terribilmente coinvolgente, travolgente. Ma andiamo per ordine.

Sul palcoscenico: una scenografia grunge / post industriale, sul fondo una parete di rete metallica trapuntata di pentole, coperchi, bacinelle, campanacci e via via raccattando, in primo piano quattro b fusti di plastica uso tamburi, sedili arrangiati e il tavolato di legno del palco.

In scena: otto giovani performer, due ragazze sei ragazzi, diversamente abbigliati in stile suburbio anglosassone.

Non serve altro, lo show può cominciare.

Il primo ballerino entra in scena, spinge davanti a sé uno scopettone, lo striscia sul pavimento, ascolta incuriosito il suono, i movimenti prima causali, poi pian piano scopre un ritmo, lo ripete, lo esplora, lo arricchisce.

Lo raggiungono uno alla volta i compagni, anche loro scopettone in mano, si uniscono al ritmo, si intrecciano le battute, i suoni si aggregano e si alternano, nasce una partitura, si intreccia un dialogo muto, i movimenti si cuciono insieme, i gesti sono fluidi, a sottolineare un suono ogni volta diverso ma sempre profondo, viscerale.

Nasce così, per addizioni successive, diventando man mano corale, questo strano ritmo ‘materico’: ogni numero si succede al precedente allo stesso modo, inventando i suoni con curiosità un po’ naif, ma tutti sono diversi: come diversi – e tutti totalmente improbabili – sono gli ‘strumenti’: scope, secchi, carrelli da supermercato, bidoni, ma anche lavandini d’acciaio (imbracciati come giganteschi vassoi), fogli di giornale, accendini ‘zippo’, tubi corrugati e gigantesche camere d’aria gonfiate a ciambella. Vedere (e ascoltare) per credere.

L’elenco dei numeri e delle invenzioni (o piuttosto ‘scoperte’, perché così vengono presentate) ritmico-sonore è sorprendente, come sorprendente è la naturalezza con cui diventano orchestra e insieme giocoleria: si va dal valzer dei carrelli da supermercato alle percussioni in parete, sospesi e imbragati ad accanirsi su coperchi-pentole-bacinelle; dalla danza ritmata stile aikido, all’esilarante clic-clac degli accendini che scattano e s’accendono e punteggiano il buio di disegni ammiccanti.

Non c’è limite alla fantasia, non c’è limite al ritmo.

Acrobati, giocolieri, ballerini, accaniti percussionisti: ma bravi anche a coinvolgere il pubblico nelle loro rumorose gag ritmiche, anche aiutati da una certa caratterizzazione tra solisti e performers, gli STOMP (ma è un titolo o un nome?) tengono banco per un’ora e mezza, dando voce al quotidiano, al banale, all’accidentalità di suoni che diventano – nelle loro mani – una musica senza parole e senza melodia, ma trascinante.

Al pubblico che non sa più trattenersi, questi eccezionali affiatatissimi performers offrono un bis divertentissimo, ma a parti inverse: perché è il pubblico, appena appena incoraggiato dal gruppo, a riprendersi la scena, quasi a mostrare un passaggio di testimone.

Ora la lezione l’abbiamo capita, prendiamo questi ritmi e queste invenzioni e portiamoli con noi nelle nostre giornate, anche noi alla ricerca del nostro Puro Ritmo Urbano.

In scena al Teatro Brancaccio di Roma fino al 21 maggio.

Da non perdere, scarpe comode e crema lenitiva (per le mani)

Da vedere, indicato per i primi sintomi di depressione

Coreografie: Luke Cresswell, Steve McNicholas

 

 

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook