Incontro col Principe Siddharta per ritrovare L’AMORE

Incontro col Principe Siddharta per ritrovare L’AMORE

Un video nel quale i due interpreti Giorgio Adamo e Michelangelo Nari si raccontano e condividono con il  pubblico il senso del loro percorso sulla scena.

“L’amore, o Govinda, mi sembra di tutte la cosa principale. Penetrare il mondo, spiegarlo, disprezzarlo, può essere l’opera dei grandi filosofi. Ma a me importa solo di poter amare il mondo, non disprezzarlo, non odiare il mondo e me; a me importa solo di poter considerare il mondo, e me e tutti gli esseri, con amore, ammirazione e rispetto
Questa una delle affermazioni più belle che Herman Esse  fa dire al suo Siddharta, nel momento in cui incontra Govinda, il suo compagno e colui che lo aveva protetto  nel palazzo dove era cresciuto perchè gli fossero risparmiate notizie  sulle quattro sofferenze della vita.
Ma Siddharta è scappato da quella prigione dorata, seguito dal suo fedele compagno, dal quale poi si separerà, perchè egli scopre la vera essenza della vita  che si chiama “AMORE”.
Siddharta comprende che “Si può rendere migliore il mondo in cui si vive iniziando a rendere migliore il cuore con cui si vive”, sempre e solo attraverso l’AMORE.

Questo il messaggio principale del Musical Siddharta che ha appena lasciato il teatro  Arcimboldi di Milano, dove ha registrato un grande  successo con oltre 5.000 spettatori e che sta proseguendo il suo tour in diverse città, a partire da Torino, fino ad  arrivare in settembre trionfante nell’impareggiabile incanto scenografico dell’Arena di Verona.
Questo capolavoro, che è nato interamente in Italia, non ha termini di paragoni con produzioni of broadway, perchè non ha un format riadattato, ma si è ispirato interamente sul libro di Hermans Esse e al film “Il Piccolo Buddha”, ma anche  sulle conoscenze ed esperienze personali dell’autrice Isabeau, alias Isabella Biffi, che né è anche la regista.
Di grande valore la collaborazione alle musiche di Fabio Codega e la partecipazione musicale straordinaria di Beppe Carletti dei Nomadi, e le originali coreografie di Chiara Valli.
Il principe Siddharta,   dopo un suo cammino di ricerca arriva a l’illuminazione interiore, che consente di vivere una vita lunga e realizzata, dove il dolore può trasformarsi in saggezza e felicità.
E l’obiettivo del progetto di questo spettacolo, non è solo quello di fare spettacolo fine a se stesso, ma di  trasmettere al pubblico un messaggio spirituale profondo, proprio in un momento storico-sociale che ne ha particolarmente bisogno, perché si stanno perdendo i veri valori della vita.
Durante la sua permanenza dello spettacolo a Milano abbiamo incontrato il Principe Siddharta insieme a Govinda,  hanno dialogato col pubblico milanese. A condurre l’incontro Sabino Delle Noci, grande conoscitore teatrale, che ha saputo dare un interessante impronta  al dialogo,  durato più del previsto. La durata di questo incintro, se da un lato non ci ha più permesso di poter fare delle specifiche domande ai due artisti, ci ha molto arricchito,  perchè sia il giovane Siddharta, interpretato da Giorgio Adamo, che Michelangelo Nari hanno chiarito in modo esaustivo,  i tanti aspetti del back stage dell’opera e dei loro personaggi.
Nel video sottostante ne riportiamo i momenti più significativi, unitamente ad alcune scene del musical, che a mio avviso è assolutamente eccezionale sia per i contenuti che per il cast di interpreti e ballerini, tutti professionisti di altissimo livello.
In questo percorso, si può scavare nel  proprio interiore alla ricerca della Verità, a cui si può pervenire solo attraverso l’AMORE che ha un linguaggio universale  e prescinde da qualsasi credo religioso.
Maggiori informazioni sullo spettacolo, collegandosi al sito www.siddhartamusical.com.

Sebastiano Di Mauro
19 febbraio 2013

Riprese video e montaggio di Angelo Antonio Messina

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook