Fame – Saranno Famosi: la recensione del musical al Barclays Teatro Nazionale

Fame – Saranno Famosi: la recensione del musical al Barclays Teatro Nazionale

Cast-Fame-7-credits-Loris-Zambelli-1150x748
Il cast di Fame – Saranno Famosi in scena al Barclays Teatro Nazionale. Foto di Loris Zambelli

Fame è arrivato, anzi, è tornato in scena in una nuova versione italiana del musical Off-Broadway diretta da Federico Bellone e prodotta da Wizard Productions, in scena ora al Barclays Teatro Nazionale di Milano.

Quando partono le prime note di “Fame”, il celebre brano di Irene Cara realizzato per il film prodotto da David de Silve nel 1980, è impossibile non rievocare l’immagine di quei ragazzi pieni di talento e con la voglia di lavorare nel mondo dello spettacolo. Oggi tutto questo è diventato un musical che, prima Off-Broadway ed ora a Milano, è arrivato sul palcoscenico. Uno spettacolo in cui si raccontano le vicende dei ragazzi della High School of Performing Arts di New York, ognuno con il proprio sogno, con i propri obiettivi.

Negli anni passati Fame era già arrivato in Italia ma questa volta viene proposto una versione inedita ed esclusiva in occasione dei 35 anni dall’uscita del film. Prima di tutto, la scenografia che fa da padrona è l’auditorium della scuola in cui si svolge tutta la storia fra aule di danza, classi di teatro e i numeri dello spettacolo. Una novità è per il pubblico, chi ne farà richiesta, potrà assistere allo spettacolo direttamente dalle poltrone posizionate ai lati del palco per una visione molto ravvicinata.
La messa in scena porta sul palco un gruppo di ragazzi, di studenti, con la grande voglia di farcela, ognuno con il proprio percorso all’interno della scuola. La versione proposta è lo script Off-Broadway, e forse questo è uno di quei casi in cui “Non è tutto oro quel che luccica”, perchè lo spettacolo gode di un ottimo cast, di coreografie realizzate da Gail Richardson grande impatto ma non di una storia. La trama viene raccontata attraverso le esperienze degli allievi, ma tutto in quadri scenici non collegati fra loro, questo rende lo svolgimento degli eventi un po’ troppo “meccanico” e poco fluido. La storia c’è, sono tante le storie, ma non sono approfondite, aspettatevi un musical leggero, divertente e solare, pochi i momenti di tensione e con un’atmosfera decisamente spensierata. E’ lo script originale, lo stesso andato in scena Off-Broadway ad essere stato scritto così, quindi il problema non è nello spettacolo italiano, magari nella scelta. La regia di Federico Bellone risulta, al contrario della storia, molto lineare e capace di mettere in risalto anche i personaggi dell’ensemble.

Sul palco un cast composto da garanzie del musical e giovanissimi allievi (veri) in collaborazione con SDM – La scuola del musical che coinvolge anche i migliori allievi, tutti quanti svolgono un lavoro davvero di grande livello, tra ballo, canto e recitazione, troviamo un cast preparato sotto ogni aspetto. Tra i nomi spiccano performer già conosciuti al grande pubblico: Luca Giacomelli Ferrarini nel ruolo di Nick Piazza, una conferma per il musical italiano, una “macchina da guerra” che non sbaglia un colpo trova il suo modo di farsi ricordare anche in questo spettacolo; Francesca Taverni nel ruolo della direttrice Miss Esther Sherman convincente nel canto, nella recitazione, forse un ruolo che non la mette a fuoco completamente; sul palco anche Simona Samarelli, la ritroviamo a teatro nel ruolo di Miss Greta Bell, insegnante di danza, spicca per la recitazione e la danza. Fra le nuove e piacevoli scoperte ci sono Eleonora Facchini nel ruolo di Serena Kratz, alle sue prime esperienze, regala una grande interpretazione sotto tutti gli aspetti e Michelle Perera dalla voce che lascia tutti a bocca aperta capace di strappare applausi su applausi, di loro sentiremo di nuovo parlare.

Fame – Saranno Famosi resterà in scena al Barclays Teatro Nazionale fino al 1 maggio.

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook