Biagio Antonacci al Pala Lottomatica di Roma

Continua il tour di Biagio Antonacci. Dopo Trento (5 ottobre), Parma (6 ottobre) e Milano (9-10 ottobre) ieri è toccato a Roma.

Cosi il Pala Lottomatica (Piazzale dello Sport) dell’Eur, ieri sera (13 ottobre), si è riempito di fan scalpitanti e striscioni originali, uno dei quali recitava “Biagio vuoi sposarmi? No? E allora fammi cantare!” , permettendo alla mancata sposa una piccola performance davanti a tutti.

Concerto realizzato per il suo ultimo disco di metà aprile “Se sapessi dire no”, lanciato dal singolo “Ti dedico tutto”, il cantante milanese è riuscito a realizzare un mix perfetto, eseguendo i suoi ultimi brani, ma anche canzoni che hanno fatto la storia come “Iris”,” Angela”, “Convivendo”, “Se io se lei”, “Se è vero che ci sei”, “Pazzo di lei”, facendo, però,mancare all’appello l’emozionante “Sappi amore mio”. Forse facilitato dalla dimensione del Palazzetto, Biagio Antonacci è riuscito a  creare una situazione intima, quasi affettiva, merito del calore della sua voce, della verità delle sue parole, ma anche della favolosa squadra di artisti di strada che ha realizzato coinvolgenti coreografie per alcune delle sue esibizioni.

 

 “Ho preferito evitare – spiega Biagio – particolari impianti scenici o tecnologie per poter essere il più possibile reale e in contatto diretto con il pubblico. E per poter offrire la miglior esecuzione possibile dei brani, la massima concentrazione su parole e note, per entrare in totale empatia con ogni singolo spettatore”.

Così l’attenzione è tutta per il palco, sotto il quale milioni di voci cantano all’unisono. Sopra di loro un cantante irradia energia pura, musicisti eccezionali si esibiscono con piano, flauto, chitarre e violino elettrico e artisti di strada regalano a Roma uno spettacolo senza precedenti alla faccia delle ordinanze.

L’unico risultato attendibile era il SOLD-OUT, ottenuto non solo in questa tappa, ma anche nelle precedenti di Trento, Parma e Milano e nelle successive di  Pescara (18 ottobre) e Bari (20 ottobre).

Chiara Cerini

14 ottobre 2012

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook