Killer Queen & Kerry Ellis all’obihal di Firenze

Il prossimo 18 maggio 2012 alle ore 21, presso l’Obihall (ex Saschall) di Firenze, si terrà un concerto unico nel suo genere  con i  fiorentini Killer Queen, tribute band ufficiale dei Queen, che  sono attivi in Italia dal 1995, con un curriculum di tutto rispetto fatto di oltre 500 esibizioni live nei migliori teatri italiani ed europei. Il Gruppo  composto da Raffaele Lombardi – voce Mario Assennato – chitarra e voce Giacinto Bargiacchi – basso e voce, Daniele Trambusti – batteria Nicola Angiolucci – pianoforte, sintetizzatori, programming, editing, Antonio Gabellini –  chitarra acustica, si esibirà su quel prestigioso palco accompagnati dalla stella londinese del musical Kerry Ellis.

La Ellis è  nota ai fans italiani dei Queen, soprattutto per essere stata per anni la protagonista femminile nel cast inglese del musical ‘We Will Rock You’, che qualche giorno prima del concerto, esattamente il 14 maggio festeggerà il 10 anni di programmazione al Dominion Theatre di Londra. Ultimanete è stata appaludita  nella  sua splendida performance sanremense al fianco di Brian May, leggendario chitarrista dei Queen.

Nel corso della serata fiorentina, la Ellis verrà  affiancata dai Killer Queen nell’esecuzione live di alcuni grandi classici della storica band inglese e, quindi sarà l’occasione per vedere in azione e conoscere meglio questa bravissima artista, premiata di recente a Londra ai What’s On Stage Awards 2012′ nella categoria “Best Solo Performance”.

L’origine di questa collaborazione nasce dalla volontà di entrambi gli artisti che, più volte, hanno dichiarato la propria reciproca stima, tanto che proprio in occasione del festival di Sanremo hanno concoradato di incontrarsi e sedersi ad un tavolino per parlare di come dare vita un concerto in Italia.

Chi può non perda questa occasione, per applaudire questo concerto che sarà senz’altro ricco di soddisfazioni e non deluderà gli appassionati del genere musicale.

Sebastiano Di Mauro

3 maggio 2012

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook