Provaci ancora Sam al Teatro Aurelio

In anteprima nazionale il 5 e 6 maggio 2012 arriva al Teatro Aurelio “Provaci ancora Sam”, uno spettacolo, prodotto da Teatrosenzatempo, tratto dalla commedia di Woody Allen, adattamento e regia di Antonio Nobili, con Andrea Dianetti e Stefania Sardo, tratto dall’omonima opera teatrale di Woody Allen, che divenne  anche un film nel  1972 diretto da Herbert Ross, col titolo originale di “Play It Again, Sam”,  (Suonala, Sam),  che   riprende una celebre battuta di Ingrid Bergman  in Casablanca (1942).

 

La commedia di Woody Allen, replicata sul palcoscenico per 453 volte,  è stata campione di incassi a Broadway ed ora la Versione Italiana di  Antonio Nobili si avvia a diventare un grande successo e nel suo cast, oltre ai due interpreti principali, vede anche Nicola Liberato. Nicoletta Cefaly, Emiliano Ottaviani, Roberto Olivieri, Flavia Martino, Valentina Puccini, Martina Zanotti e Valeria Lelli.

Questa la trama dell’opera: “Allan, critico cinematografico appassionato di Humphrey Bogart, è abbandonato dalla moglie. Una coppia di amici lo vorrebbe aiutare a uscire dalla crisi, ma Allan è pieno di complessi e per di più è completamente imbranato. Seguendo i consigli del fantasma di Bogart tenta di conquistare l’unica donna che gli sta veramente a cuore”.

La Commedia  è brillante ed armoniosa, con personaggi psicologicamente ben definiti e un contorno di figurazioni comicamente eccezionali. La versione di Antonio Nobili, nonostante egli stesso affermi che è “difficile è mettere le mani su una materia così ancora viva e fresca, agile e dinamica”  è capace di  regalare al pubblico la risata continua. 

“L’unica operazione possibile – prosegue ancora il regista – è stata quella di deviare leggermente l’asse narrativo, illuminando punti della storia che ne offrono una altrettanto veritiera visione senza toccare l’esilerante comicità”

Info:

Teatro Aurelio – Largo San Pio V Roma

sabato e domenica ore  17,30 e ore 20,30 (Doppia replica)

www.teatrosenzatempo.com/provaciancorasam

Sebastiano Di Mauro

26 aprile 2012

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook