Dove ci porta questo treno blu e veloce

Finalmente, dopo tre anni di successo a Milano, arriva al teatro Quirinetta di Roma “Dove ci porta questo treno blu e veloce”,  una produzione Teatro Franco Parenti, che dal 18 al 21 aprile mette in scena uno straordinario monologo dell’originale regista Andrée Ruth Shammah, che  ha costruito il personaggio appositamente per l’attrice Sabrina Colle e che fa parte del trittico di Massimo Sgorbani Causa di beatificazione.

 

Il testo rappresenta uno dei lavori più intensi di Sgorbani, ed ha la forza penetrante  di entrare nell’animo della protagonista, mostrandone tutte le debolezze e illusioni  di una giovane donna, che sfugge dalla sua condizione dello scenario di guerra e disperazione del Kossovo e, con il suo candore, si ripropone con tutte le sue forze di raggiungere la libertà e felicità, in una nuova “terra promessa”.

La giovane donna è costretta a prostituirsi, come nel più naturale dei percorsi per una ragazza in stato di miseria e necessità, la sua grazia la porterà a trasformare questa caduta in una vera e propria ascesi. Questa condizione, anche di fronte all’evidenza dell’abbandono, le permetterà di vedere il soldato che approfitta di lei come il salvatore che un giorno la condurrà lontano da quei campi di morte, verso la ‘terra promessa’.

Massimo Sgorbani è uno degli autori più interessanti nel panorama teatrale contemporaneo, i cui testi, pubblicati da Ubulibri, si impongono per forza emotiva e per una scrittura limpida e immaginifica che scandaglia, con pietosa lucidità, le piaghe del nostro presente.

 

info:

Teatro Quirinetta -Via Minghetti, 5

Orario Spettacoli:   21,15

Biglietti: Intero 25 euro – Ridotto 20 euro

tel 06. 6794585


Sebastiano Di Mauro

17 aprile 2012

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook