Louis Moholo ricorda al Manzoni The Blue Notes

Aperitivo in Concerto ha portato domenica 4 marzo alle ore 11.00 al Teatro Manzoni, una leggenda della musica del jazz, Louis Moholo. Con la sua banda, in prima mondiale, egli ha offerto al pubblico del teatro , una “special edition” dedicata a The blue notes.

The Blue Notes era il nome di un gruppo di musicisti sudafricani, come il trombettista Mongezi Feza, il sassofonista Dudu Pukwana, i contrabbassisti Johnny Dyani e Harry Miller, il pianista e band leader Chris McGregor, e lo stesso batterista Louis Moholo. Ma era il Sud Africa degli anni 60, dove mancava la libertà, politica, sociale e artistica. L’apartheid soffocava tutto e mal accettava un gruppo musicale dove bianchi e neri suonavano insieme. Per questo, quando ai musicisti si offerse la possibilità di suonare in Francia al festival jazz di Antibes Juan-les-Pins, partirono insieme e decisero di rimanere in Europa.

Dopo varie peregrinazioni, si stabilirono in Gran Bretagna, anche per una questione di lingua. È proprio in Gran Bretagna che svolsero un ruolo fondamentale di collegamento trasversale tra i vari settori della musica di quegli anni.

Il gruppo allora portò sulla scena musicale in Gran Bretagna e in Europa, un approccio alla musica nuovo, sanguigno, vitale, travolgente. Lo stesso che abbiamo sentito domenica scorsa, con Louis Moholo-Moholo alla batteria, alla tromba Henry Lowther, ai Sassofoni Jason Yarde e Ntshuks Bonga, al trombone Alan Tomlinson, al pianoforte Alexander Hawkins, al contrabbasso John Edwards. Accompagnava vocalmente, Francine Luce.

Prossimo appuntamento: domenica 11 marzo alle ore 11 con Bill Laswell with Material. Ricordiamo che la cantante Gigi che avrebbe dovuto esibirsi con il bassista americano, non sarà presente a causa di problemi di salute.

Info:

Teatro Manzoni Via Manzoni, 42 – tel 02.7636901 Numero Verde 800-914350

Biglietto € 12 + € 1 prevendita

Online: www.aperitivoinconcerto.com

circuito Ticketone + Call Center 892.101 –

www.ticket.it

Raffaella Roversi

6 marzo 2012

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook