Gian Burrasca rivive con Elio al Sociale di Como

di Antonio Provitina

Il proverbiale personaggio di Vamba famoso per l’ingenuità nel combinare guai, comparata alla genialità  per cercare di uscirne fuori

Al Teatro Sociale di Como si rivivrà la vita dello scalmanato Giannino Stoppani (alias Gian Burrasca), interpretato da Elio con la regia di Lina Wertmüller. Le affascinanti vicissitudini del noto combinaguai sono ambientate in Toscana e raccolte in un diario, che narra giorno per giorno i circa cinque mesi di marachelle del protagonita.

Il periodo risale ai primi anni del ‘900, ma l’essenza del messaggio educativo è sicuramente riconducibile e contestualizzabile anche ai giorni nostri, e sarà questa la forza di questo immortale e frizzante maschera.
L’intrigante personaggio raccontato nel romanzo di Luigi Bertelli, in arte Vamba, qui vedrà un cast accuratamente selazionato ed accompagnato da un quintetto di musicisti in scena che eseguiranno le indimenticabili canzoni di Nino Rota. E non a caso, questo è l’anno che celebra il centenario della sua nascita. Il ritorno, dopo quarantasei anni,  di Lina Wertmüller alla direzione dello stesso spettacolo, lasciano intendere la voglia e la determinazione di un progetto, che fermenta da tempo e che da sempre è stato vincente. Sia per la sua dinamicità scenica che per le morali educative che esplica all’interno di esso. In un periodo dove l’educazione è diventata un punto di snodo, e dove spesso le istituzioni si preoccupano dei “solenni” problemi, quando invece l’attenzione verso coloro che dovranno costruire il futuro e garantire il benessere del nostro pianeta, viene trascurata in crudele maniera.
Chi sa ridere di se stessi, può imparare a ridere degli altri. Potrebbe essere questo il  leit motiv dello spettacolo e sarà curioso scoprire come,  da domenica 30 Ottobre, Elio deciderà di impersonare e rivivere su di se, le imprevedibili vicissitudini di Gian Burrasca, che hanno avuti  diversi pecedenti  interpretazioni: cinematografiche e televisive:  nel 1943 il  film “Gianburrasca” di Sergio Tofano, nel 1964 lo sceneggiato televisivo dal titolo “Il giornalino di Gian Burrasca”, diretto sempre da Lina Wertmüller ed interpretato da Rita Pavone,  nel 1982  il film “Gian Burrasca”, di Pier Francesco Pingitore ed interpretato dal caratterista  Alvaro Vitali sul canovaccio del racconto Vamba.

Teatro Sociale di Como – Via Bellini 3, Como
domenica 30 ottobre ore 20.30
www.teatrosocialecomo.it

 

27 ottobre 2011

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook