Il Bacio della fata, di Eugenio Monti Colla rallegra le feste dei bambini al Piccolo

Il Bacio della fata, di Eugenio Monti Colla rallegra le feste dei bambini al Piccolo

Il-bacio-della-fata-piccoloLo spettacolo “Il bacio della fata ha debuttato ieri sera al Piccolo Teatro Grassi e rimarrà in scena fino a lunedì 6 gennaio 2014.
Il suo primo debutto si è avuto nell’Atelier della Carlo Colla & Figli nel 2010 pertanto la sua creazione è molto “giovane”.
Questa nuova creazione ha un’origine lontana: era il 1998 e la Compagnia era in tournée a Losanna, al Théâtre Vidy, proprio sulle rive del lago di Ginevra che aveva ispirato a Stravinskij le musiche dell’omonimo balletto che debuttò a Parigi nel 1928 con la coreografia di Bronislava Nijinska.

Lo spettacolo, drammaturgicamente articolato in parti mimate, danzate e recitate, è allineato alla grande tradizione del balletto della Carlo Colla & Figli (ricordiamo Il flauto magico ossia Les danseurs involontaires di Belardinelli, Prometeo e Le vestali di Salvatore Viganò, il Gran ballo Excelsior della coppia Manzotti-Marenco, Shéhérazade di Rimskij-Korsakov, Petrouschka dello stesso Stravinskij), ma il progetto della messa in scena fu poi accantonato.

Nel balletto di Stravinskij il drammatico finale prevedeva che Julien, rimasto orfano della madre in una tempesta di neve, durante la festa del suo fidanzamento con la figlia del mugnaio, per un sinistro incantesimo venisse trascinato via per sempre dalla fata del Ghiaccio che lo aveva salvato da bambino.

Ma il teatro delle marionette non ama le storie drammatiche, ed ecco allora che Mathieu, lo sciocco del villaggio, lo strambo che parla con gli animali, personaggio appositamente creato per questa versione dei Colla, interviene a dare un’altra svolta alla storia. Con un gesto quasi eroico si offre di seguire la fata nel ghiacciaio e la sua generosità dà vita a un doppio felice esito: la fata malvagia, colpita dall’altruismo di Mathieu si scioglie prodigiosamente e al posto del ghiacciaio appare un prato verde.

Molti “effetti speciali” e molta poesia in questo spettacolo che viene considerato “piccolo” dalla Compagnia: “solo” settanta personaggi, una decina di nuove marionette (tre delle quali sono la Fata in versioni diverse), parecchi animali, quattro scene.

Danilo Lorenzini e Luca Ciammarughi hanno curato la versione delle musiche di Stravinskij a cui sono stati aggiunti alcuni brani di Ciajkovskij.

 Al Piccolo Teatro Grassi via Rovello, 2 – Milano
M 1 fermata Cordusio – tram 1, 3, 4, 7, 12, 14, 16, 18, 19, 27 – bus 57, 58
tel. prenotazioni: 848.800.304 (max 1 scatto urbano da telefono fisso)da sabato 28 dicembre 2013 a lunedì 6 gennaio 2014Sabato 28 dicembre ore 19.30
dal 29 dicembre al 6 gennaio ore 16 tranne il 1 gennaio riposo
biglietti
platea intero euro 25,00 / ridotto fino a 25 anni euro 17,00 / ridotto anziani euro 12,50 / ridotto ragazzi fino a 12 anni euro 10,00 // balconata intero euro 22,00 / ridotto fino a 25 anni euro 15,00 / ridotto anziani e ragazzi fino a 12 anni euro 10,00

Redazione Spettacolo
29 dicembre 2013

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook