Uommene: uno spettacolo contro la violenza sulle donne

Uommene: uno spettacolo contro la violenza sulle donne

UOMMENEGrande anteprima quella di Sabato 23 novembre (ore 18.30) alla Casa Internazionale delle Donne di Roma (Via della Lungara, 19 – Sala Lonzi), con la messinscena del progetto artistico “Uommene”, uno spettacolo suggestivo realizzato con lo scopo di raccontare il dramma della violenza sulle donne. Sono 600 milioni, nel mondo, le donne vittime di maltrattamenti. 120 quelle uccise dall’inizio dell’anno in Italia: un fenomeno impietoso e preoccupante, indipendente dal livello culturale e dall’età dei soggetti. Uommene nasce per tradurre questi freddi dati in musica, voci e immagini. Durante lo spettacolo saranno lette anche alcune poesie di Alda Merini.

Lo spettacolo è realizzato dalla Compagnia Nuove Indye, in collaborazione con Amnesty International Italia, da sempre in prima linea per la difesa dei diritti umani, Blob, che realizzerà un cortometraggio per l’occasione, la Casa Internazionale delle Donne di Roma e Legambiente. La Compagnia, nello specifico, nasce dall’incontro di due artisti come Gino Magurno, autore-compositore sempre attento ai problemi sociali, e Pietra Montecorvino, una grande interprete creativa e appassionata. Da questo binomio vincente è incominciato il cammino della Compagnia Nuove Indye, il cui tratto distintivo consiste nel coinvolgere il pubblico oltre l’intrattenimento, proponendo uno spettacolo che sia essenzialmente cultura: Uommene. L’idea è quella di raccontare la violenza fisica e psicologica subita dalle donne, un fenomeno sociale triste trasversale a mondi e culture diverse, con un preoccupante denominatore comune fatto di ignoranza e incapacità di amare e di amarsi.

Il progetto artistico si è sviluppato anche grazie all’apporto decisivo di altre artiste italiane – Roberta Alloisio, Roberta Albanesi e Federica Zammarchi-Agricantus – le quali hanno contribuito a renderlo prima cortometraggio, poi videoclip, cd e dvd. Non mancheranno nemmeno eventi speciali, in concomitanza con la Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne indetta il 25 novembre dall’ONU. Il progetto continuerà anche nel 2014, con la partecipazione di artiste straniere, chiamate in causa per sottolineare proprio la trasversalità a culture e territori diversi di questo dramma sociale.

Giacomo Di Valerio

22 novembre 2013

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook