“Piccoli crimini coniugali”, Schmitt e Placido aprono la stagione 19/20 del teatro Quirino

“Piccoli crimini coniugali”, Schmitt e Placido aprono la stagione 19/20 del teatro Quirino
foto di Margherita Cenni

La Goldenart Production leva il sipario sulla nuova stagione del Teatro Quirino di Roma, illuminando il palcoscenico con l’audace testo Piccoli Crimini Coniugali, opera del franco belga Eric- Emmanuel Schmitt. L’adattamento è curato e diretto da un mastino del teatro e del cinema italiano, Michele Placido, sostenuto in scena dal talento senza tempo di Anna Bonaiuto. In un teatro gremito di eminenze della scena nostrana la pièce di Schmitt si concede in un lussureggiante e sofisticato gioco a due, nel quale gli attori osano e si divertono, si ricercano e dialogano energicamente, circondati da una scenografia raffinata e sottilmente lavorata.

Gilles ritorna a casa in compagnia della moglie Lisa in seguito a un incidente nel quale l’uomo ha perso la memoria. Si confronta nuovamente con i suoi libri, dei quali ne è fiero e stimato autore, la sua quotidianità, il suo disordine. La coppia farà di tutto per rimettere insieme i pezzi della propria vita, per ridonarle equilibrio; ma l’amnesia di Gilles sarà solo il pretesto necessario per riconsiderare l’intera architettura di un rapporto coniugale, intorpidito da ombre e insofferenze mai rivelate.

La regia si focalizza sulla dinamicità perfetta di corpo e parola, in uno schema scenico ben miscelato in cui gli attori si misurano con tutte le proprie facoltà artistiche. Il pubblico percepisce sin dalle prime battute il sottile velo di ironia che cela il profondo dramma coniugale. Ambiguità, ossessione e un amore dalle mille facce, saranno solo alcuni dei frutti proibiti caduti dall’albero nero di questa importante messa in scena. I due personaggi si confrontano senza tregua con le proprie pulsioni e le proprie remore, mettendosi in discussione come esseri umani e come partner. La ricostruzione minuziosa della vita di Gilles si fonderà con quella del suo incidente e della sua reale causa, esattamente come avviene nella trama del suo giallo Piccoli Crimini Coniugali. Il ritmo dello spettacolo scorre placidamente nella prima mezzora, senza particolari sconvolgimenti, dove i battibecchi animati tra i due strappano docili risate; ma in seguito gli interpreti iniziano a spingere sulle circostanze dei propri personaggi e allora la marea sale e il ritmo è segnato da un cambio radicale che si protrarrà fino alla fine. Uno spettacolo senza stonature e costantemente sostenuto dal carisma e dall’esperienza dei suoi artisti. Mauro di Maggio e Luna Vincenti firmano un reparto musicale di altissimo spessore e le loro melodie segnano importanti e distinti accenti sui cambiamenti emotivi nella messa in scena.

Piccoli Crimini Coniugali è un appassionato intrigo sentimentale e un rendez-vous drammaturgico indispensabile per chiunque ami la profonda e intricata macchina del rapporto di coppia tra uomo e donna. Un racconto di vita che pone importanti interrogativi su come e quando il sentimento tra due persone possa sfociare nell’ossessione, nella paranoia e nella violenza, ingrigendo il concetto di normale e sfociando nel malessere esistenziale.

Lo spettacolo sarà in scena al Quirino di Roma da martedì 1 ottobre fino a martedì 13 ottobre.

PICCOLI CRIMINI CONIUGALI

Produzione: Goldenart Production

MICHELE PLACIDO   ANNA BONAIUTO

di Éric-Emmanuel Schmitt

adattamento e regia MICHELE PLACIDO

 

scene Gianluca Amodio

costumi Alessandro Lai

luci Pasquale Mari

musiche Mauro Di Maggio & Luna Vincenti

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook