La Divina Commedia Opera Musical, il poema dantesco al Brancaccio Di Roma

La Divina Commedia Opera Musical, il poema dantesco al Brancaccio Di Roma

Prosegue il successo de La Divina Commedia Opera Musical, in scena al Teatro Brancaccio di Roma fino al 7 aprile 2019.

La prima opera musicale basata sul componimento di Dante Alighieri è diretta da Andrea Ortis e ha già ottenuto il favore del pubblico nelle precedenti stagioni, coinvolgendo oltre settecentomila spettatori e mezzo milione di studenti sui principali palchi tra cui l’Arena di Verona e il Grimaldi Forum di Montecarlo.

Anche la nuova edizione si presenta ben riuscita. Lo spettacolo, diviso in due atti, ripercorre tutte le Cantiche attraverso alcuni trai più importanti exempla riportati nella Commedia, come la storia tragica e romantica di Paolo e Francesca o quella inquietante e sconvolgente del Conte Ugolino.

Un adattamento stimolante e accogliente fin dal principio, grazie alla voce narrante di Giancarlo Giannini alias un Dante maturo che ricorda e racconta agli spettatori quel periodo di profonda angoscia che lo colpì “nel mezzo del cammin di nostra vita”, quando aveva perso ormai ogni speranza di equilibrio psicologico ed esistenziale. Un dolore che lo porterà per mezzo della scrittura a rinascere, a farsi portavoce di un messaggio di salvezza per l’umanità, racchiuso trai versi del suo poema. Versi adattati in musica da Marco Frisina e animati da ben ventiquattro cantanti-attori e ballerini -acrobati. Tra questi spiccano Antonello Angiolillo nei panni del giovane Dante, Andrea Ortis alias Virgilio, ragione umana che guida il protagonista durante le prime due Cantiche, e Myriam Somma la cui voce angelica si addice perfettamente al ruolo di Beatrice, allegoria della felicità eterna.

“È stato un grande privilegio per me poter rimettere in forma espressiva un’opera così importante e significativa come la Divina Commedia – ha sottolineato il regista Andrea Ortis. Ho voluto creare una fantasia e portare l’azione registica, le visioni e le idee in forma di musical, in maniera armonica, leggendo in chiave moderna il capolavoro di Dante, grande scrittore, poeta, genio e soprattutto uomo”.

 

Un vero kolossal teatrale, con oltre cinquanta professionisti, duecento costumi e più di cinquanta scenari che si susseguono a ritmo serrato, mantenendo sempre viva l’attenzione dello spettatore. Tutto sullo sfondo di una scenografia mobile su più livelli realizzata da Lara Carissimi e arricchita dall’uso delle proiezioni di Roberto Fazio e Virginio Levrio.

L’opera Prodotta da Music Internationl Company ha ottenuto l’importante patrocinio della Società Dante Alighieri, che l’ha insignita della Medaglia d’Oro, e stima la collaborazione di Mondadori come Educational Partner.

 

 

 

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook