“Who is the king”, i re shakespeariani sfilano al Parenti

“Who is the king”, i re shakespeariani sfilano al Parenti

Who is the King, da William Shakespeare – la serie”, in scena dal 9 al 21 ottobre al Teatro Franco Parenti, racchiude in un connubio perfetto di storia e attualità otto drammi shakespeariani (Riccardo II, Enrico IV parte I e II, Enrico V, Enrico VI parte I, II, III e Riccardo III), rimodulati in quattro episodi che raccontano con straordinaria potenza ed energia l’Inghilterra del XIV e del XV secolo.

Setting essenziale, costumi curati e musica che alterna archi ad elettronica fanno da contorno ad una sfilata di re shakespeariani, ambiziosi e tracotanti, talmente assetati di gloria da non riuscire a scorgere pericoli e trappole che il potere nasconde dietro il suo oscuro fascino. Lino Musella e Paolo Mazzarelli hanno costruito in maniera oculata ed efficace un percorso che parte dalla fine nefasta di Riccardo II, per poi innalzarsi verso i picchi di energica ostinazione di Enrico V e riprecipitare nell’abisso morale di Riccardo III.

I personaggi, impersonificati da una compagnia di dieci attori, si alternano con sembianze diverse, con il viso e il corpo che cambiano seguendo le diverse fasi della vita che si susseguono. Dalla giovinezza alla maturità, dalla vecchiaia al punto di morte, ciascuno va incontro alla propria sorte, lasciando lo spazio scenico ad un altro protagonista, a un nuovo re. Ma chi è davvero il re? Uomini potenti eppure così umanamente fragili, come il mantello di gloria di cui si cingono vanitosi, lontani dalla preoccupazione della nudità fisica e interiore che, in realtà, esso tenta invano di nascondere.

Eventi improvvisi e confusi, sempre spietati, scoprono ineluttabilmente le bassezze morali e le qualità umane più intime di chi, in fin dei conti, è solo una vittima inconsapevole dell’irresistibile e trascinante fascino del potere.

 

Info:

un progetto di Lino MusellaAndrea BaraccoPaolo Mazzarelli
drammaturgia e regia Lino MusellaPaolo Mazzarelli
luci Pietro Sperduti
scene Paola Castrignanò
sound design e musiche originali Luca Canciello
costumi Marta Genovese

con
Massimo Foschi, Marco Foschi, Annibale Pavone, Valerio Santoro, Gennaro Di Biase, Josafat Vagni, Laura Graziosi, Giulia Salvarani, Paolo Mazzarelli, Lino Musella

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook