Unione europea: organizzate pesanti sanzioni nei confronti della Corea del Nord

La nuova esercitazione nucleare di Pyongyang non è assolutamente piaciuta all’Unione europea. I 27 paesi membri hanno rinforzato il regime di sanzioni nei confronti della Corea del Nord, gelando i già tesissimi rapporti vietando inoltre ad alcune personalità di farvi viaggio.

Riuniti a Bruxelles i ministri degli esteri europei hanno già deciso di compilare la lista delle persone e delle entità sottomesse a divieti di viaggio. Inoltre sono state inasprite anche  le restrizioni imposte sui prodotti associati con i programmi nucleari o balistici della Corea del Nord.

Si tratta di misure severe destinate a mostrare la nostra opposizione ai test nucleari”; ha spiegato un responsabile europeo la settimana scorsa. Il capo della diplomazia europea, Catherine Ashton, ha giudicato lo scorso giovedì che il test nucleare effettuato da Pyongyang rappresenta “una violazione caratterizzata dagli obblighi internazionali”, ed ha chiamato la comunità internazionale ad una risposta ferma e unita. 

Le misure dell’EU si aggiungono alle sanzioni imposte recentemente dall’ONU. Bruxelles ha dunque messo in atto delle ispezioni e un processo di sorveglianza per le attività finanziarie europee con banche che risiedono nella Corea del Nord.

Manuel Giannantonio

19 febbraio 2013

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook