Russia pioggia di meteoriti: oltre 1000 feriti

Russia. Il Ministero delle Emergenze russo ha comunicato che stamani, alle ore 9,20 locali circa, le 4.20 in Italia, dal cielo della Russia sono caduti numerosi frammenti di un asteroide che hanno colpito le abitazioni degli abitanti di sei città. La più colpita è quella di Chelyabinsk negli Urali, centro industriale a est di Mosca, causando il ferimento di almeno 1000 persone, cinque sono in gravi condizioni. Non si segnalano morti. Fonti ufficiali russe hanno spiegato che un asteroide «si è disintegrato nella parte bassa dell’atmosfera». Un video amatoriale mandato in onda dalla televisione russa mostra un oggetto cadere dal cielo attorno alle 9.20 ora locale, le 4.20 in Italia, lasciando una coda bianca e un intenso lampo.

Gli abitanti hanno raccontato di aver sentito un suono simile a quello di un’esplosione e di aver visto una luce brillante, poi gli allarmi delle auto hanno preso a suonare, alcune finestre sono andate in frantumi e i telefoni cellulari hanno funzionato a intermittenza. Il ministero delle Emergenze russo ha invitato la popolazione a non farsi prendere dal panico ed ha descritto l’evento come una pioggia di meteore in forma di palle infuocate. Inoltre il livello delle radiazioni è normale e non pericoloso per la salute.

In un primo momento si è pensato che la pioggia di cristalli fosse dovuta al passaggio dell’Asteroide 2012 DA14, che dovrebbe passare vicino alla terra nelle prossime ore. Si tratta di un asteroide dalle grandi dimensioni, come una piscina olimpionica, ma numerosi esperti hanno affermato che i due eventi non sono collegati. Fra questi c’è anche un italiano l’esperto di meccanica celeste Andrea Milani, dell’università di Pisa e responsabile del gruppo di ricerca NeoDyS, specializzato nel calcolare le orbite degli asteroidi più vicini alla Terra, queste le sue parole: «Tra i due eventi non c’è alcuna relazione perchè tra i due fenomeni c’è una distanza di 24 ore. Per questo motivo non c’è alcuna regione di pensare ad un nesso tra i due eventi».

Giovanni Bignami, presidente dell’Istituto nazionale astrofisica, ha invece dichiarato: «È rarissimo che un meteorite come questo provochi feriti, questa volta purtroppo è successo. Sarebbe interessante capire la traiettoria di questo meteorite, potrebbe essere passato per pochi secondi anche sull’Italia, ed essere stato visibile come scia infuocata».

Secondo i dati dei servizi speciali potrebbero cadere sul territorio di Chelyabinsk altre due nubi di meteoriti, la prima nella mattinata e un’altra nella notte. Il Ministero ha comunicato che i: «collaboratori della polizia continuano a monitorare la situazione e controllare i centri abitati per individuare i nuovi luoghi in cui cadranno i frammenti».

Il premier russo Dmitri Medvedev ha affermato che quanto avvenuto è sintomo della: «vulnerabilità del pianeta. È la prova che non solo l’economia è vulnerabile, ma l’intero pianeta».

Enrico Ferdinandi

(Twitter @FerdinandiE)

15 febbraio 2013

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook