FRANCIA: un paese avvolto dalla violenza secondo la stampa estera

FRANCIA: un paese avvolto dalla violenza secondo la stampa estera
Foto: sports.ndtv.com

Scontri nelle manifestazioni, violenze per mano degli hooligans e attentati rivendicati dal sedicente Stato islamico: i giorni dell’Europeo sono inondati dalla violenza

PARIGI – L’Europeo, la manifestazione calcistica continentale, continua a far parlare di sé in tutta Europa. Purtroppo però non lo fa per i risultati in campo o per la meraviglia che si può ammirare nelle tribune degli stadi che ospitano le partite. Le manifestazioni popolari contro la legge del lavoro hanno provocato un clima di tensione in molte città transalpine e i recenti colpi di matrice terroristica conferiscono al contesto dell’Europeo un clima difficile. La stampa estera è concorda nel ribattere le stesse considerazioni: in Spagna il giornale conservatore ABC ha titolato la sua prima pagina: “Paura ad Euro 2016  – il terrorismo è e le manifestazioni scuotono la Francia!”.

La suddeutsche Zeitung ha spiegato che le forze dell’ordine sono state superate, e cita un portavoce del sindacato della polizia che chiede “una pausa nelle manifestazioni di massa, che durano da oltre tre mesi”. Per il quotidiano di Monaco, “i poliziotti sarebbero, dopo sette mesi di Stato d’emergenza e di minacce terroriste, e ora con l’Europeo, privi di forze”.

Die Welt invece pubblica un titolo che medita sui prossimi giorni: “Paure di nuovi scontri per la partita Germania – Polonia”, prevista giovedì allo Stade de France. Secondo il giornale, dei gruppi di hooligans tedeschi e polacchi si sarebbero già dati appuntamento sul web.

Sostanzialmente, si tratta di un bilancio in crescita per la ABC. Il giornale spagnolo evoca lo Stato di emergenza “militare, poliziesco, giudiziario, sociale e politico”, nel quale si trova il governo francese. Un contesto estremamente teso al quale si aggiungono le violenze che girano intorno all’Europeo. Inoltre, il giornale iberico affonda il colpo con queste righe: ”Isolate, ognuna di queste crisi sarebbe gravissima. Ma quando arrivano nello stesso tempo, come nella notte tra lunedì e martedì pomeriggio, compongono un quadro patetico della Francia di Hollande”.

([email protected])

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook