Venezuela: trovato morto funzionario Farnesina a Caracas

Venezuela: trovato morto funzionario Farnesina a Caracas

Il corpo di Mauro Monciatti, 63 anni, è stato trovato senza vita nella sua abitazione a Caracas, Venezuela. Sconosciute le cause che hanno provocato la morte del funzionario toscano. Farnesina e autorità venezuelane a lavoro per fare chiarezza sul caso.

Mauro Monciatti è stato trovato morto nella sua abitazione a Caracas, Venezuela. L’uomo, 63 enne originario di Sinalunga, in provincia di Siena, era un funzionario della Farnesina e aveva ottenuto nel gennaio scorso un incarico di tre mesi negli uffici dell’amministrazione del consolato italiano a Caracas. Al momento le autorità locali sono in coordinamento con l’ambasciata italiana in Venezuela per fare luce sulla vicenda.

Il corpo senza vita del funzionario toscano è stato ritrovato da un suo collega, preoccupato perché Monciatti non si era presentato a lavoro. Stando alle informazioni raccolte dai giornalisti locali tramite una fonte ufficiale, l’uomo sarebbe stato ucciso con violenza. Monciatti avrebbe infatti perso la vita in seguito a un trauma provocato da un colpo alla testa inferto con un oggetto contundente. I media riportano inoltre come la serratura della sua abitazione non sia stata forzata e che la morte potrebbe risalire alla notte tra sabato e domenica scorsa. Tuttavia l’ipotesi di omicidio non è stata ancora confermata dalle autorità venezuelane né da quelle italiane.

Monciatti sarebbe dovuto partire propri oggi per far rientro in Italia, dove lo aspettavano la moglie e le figlie giàtornate a casa. L’uomo aveva due lauree, una in lettere moderne e l’altra in scienze politiche, e aveva avviato la sua carriera diplomatica nel 1987 quando ottenne il primo incarico in Camerun. «Una persona scherzosa, mite e affezionata alle sue origini» dichiara Riccardo Agnoletti, sindaco di Sinalunga, che ricorda il funzionario toscano come ben voluto da tutti e solito a tornare per brevi periodi a casa dai suoi viaggi diplomatici almeno due-tre volte all’anno.

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook