EgyptAir: spunta un misterioso avvistamento aereo

EgyptAir: spunta un misterioso avvistamento aereo
Un aereo della compagnia egiziana EgyptAir - Foto: Directmatin.fr

Il caso EgyptAir è ancora avvolto dal mistero. Il dramma del volo MS804, precipitato in Egitto, non ha ancora una spiegazione ma nel frattempo circola un’indiscrezione di due piloti turchi che hanno volato nella stessa zona circa un’ora prima, comunicando la presenza di un velivolo non identificato alla torre di controllo

IL CAIRO – Fino ad oggi continuano a rincorrersi moltissime ipotesi su quanto accaduto nel cielo d’Egitto prima dello schianto del volo MS804 dell’EgyptAir. Oggi, si aggiunge un altro tassello in questo complicatissimo mosaico. Due piloti turchi avrebbero volato in quella zona circa un’ora prima dell’incidente comunicando alla torre di controllo la presenza di un velivolo non identificato. Potrebbe trattarsi di un drone oppure di un aereo militare, è stata anche azzardata l’ipotesi di un UFO. Tuttavia, per ora non ci sono ancora informazioni in questo senso. Alcuni esperti hanno assicurato all’Agence France Press (AFP) che nessuna delle informazioni diffuse dai media permette di trarre conclusioni su quanto accaduto.

Il Daily Mail e l’Hurryet Daily News, rivelano alcune indiscrezioni pubblicando la comunicazione dei piloti turchi “un volo non identificato è passato a circa 2000 piedi da noi”. In realtà queste parole non sono state riscontrate nei radar dell’autorità aeroportuale. Nelle ultime ore, circola un’informazione secondo la quale il pilota del volo egiziano avrebbe effettivamente avvisato la torre di controllo lanciando un allarme e richiedendo un atterraggio di emergenza.

Martedì sono stati effettuati dei prelievi di DNA da parte dei medici legali egiziani sui parenti delle vittime del volo MS804 per identificare i corpi ritrovati in mare, come indicato dalla compagnia aerea. Gli stessi medici affermano che ci sia stata un’esplosione a bordo poiché i corpi sono a pezzi anche se l’informazione è stata immediatamente smentita.

([email protected])

 

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook