Nigeria: la repressione dei sostenitori del Biafra nutriti dai sogni della secessione

Nigeria: la repressione dei sostenitori del Biafra nutriti dai sogni della secessione
Foto: AFP

Chukwu Ebuka Moses è troppo giovane per ricordarsi la guerra civile che ha devastato il sud est della Nigeria nel 1967. Una guerra terribile che ha spezzato un milione di vite in tre anni e anche i sogni dell’etnia Igbo e quello del Biafra indipendente.

Lo studente 19enne non era nemmeno nato ma ha avuto l’impressione  di essere diventato un veterano da quando si è fatto sparare addosso durante una manifestazione ad Aba, la capitale dello Stato di Abia, il 18 gennaio.

“Stavamo cantando e protestando. E poi dei poliziotti ci hanno aggrediti, ci hanno sparato del gas lacrimogeno”, ha spiegato. Sollevando i pantaloncini, mostra una cicatrice delle dimensioni di una moneta, sulla coscia destra. Grazie a una radiografia è possibile vedere il suo femore sezionato in tre parti dal proiettile. “Ho difficoltà a respirare da quando mi hanno sparato. Il mio corpo è senza forze “, racconta con il viso avvolto dall’angoscia. Come la maggior parte dei giovani della sua età, Chukwu Moses è un fan del gruppo nigeriano R&b PSquare ed è anche tifoso del Chelsea Football Club (una delle squadre di Londra che milita nella massima serie calcistica inglese: la premier League).

Un mese prima della manifestazione, aveva deciso di raggiungere i militanti del Biafra, lui che sogna un buon lavoro, in una regione dove i giovani hanno pochissime opportunità professionali. Oggi, non ha paura perché il “Biafra deve esistere”.

Una delle ultime manifestazioni sostenute da IPOB – Foto: Dailypost

Il movimento “Popolo indigeno del Biafra” (IPOB) non ha mai smesso di reclamare la secessione di questa regione popolata di Igbos, una delle tre grandi etnie nigeriane, che si sentono emarginati dal potere centrale in termini di infrastrutture, sanità e istruzione. L’arresto lo scorso ottobre di Nmandi Kanu, capo dell’IPOB e direttore di Radio Biafra, e la sua detenzione nell’attesa di un processo hanno provocato un’ondata di proteste attraverso il sud- est e rilanciato gli appelli all’indipendenza del Biafra.

Secondo l’avvocato dei diritti dell’Uomo, Onkere Kingdom Nnamdi, più di 50 persone sono state uccise, 100 ferite e 200 sono state arrestate. Il presidente Muhammadu Buhari, ha prevenuto che non tollererà più manifestazioni che minacciano l’integrità della Nigeria. La sorte di Nmandi Kanu e la repressione delle manifestazioni non hanno fatto altro che rafforzare la popolarità dell’IPOB che ha ricevuto il sostegno di migliaia di persone, un fatto che non si verificava da una decina di anni.

Secondo i manifestanti feriti durante alcune manifestazioni, tra novembre e febbraio, la polizia e l’esercito hanno utilizzato gas lacrimogeni e hanno sparato sulla folla. “Sparavano in tutte le direzioni”, racconta Paulinus Uwaga, un impiegato di 50 anni. Secondo un membro dell’IPOB, dei corpi sono stati trasportati nelle fosse comuni. Altri manifestanti sono semplicemente scomparsi, da un giorno all’altro. Proprio com’è successo al cugino di Emeka Uzoma. È stato avvistato con una bandiera del Biafra ma poi “nessuno sa che fine abbia fatto”.

Chibueze Chukwu è stato colpito durante una manifestazione lo scorso febbraio. È stato trasportato in ben due ospedali ma solo una volta arrivato in una clinica gestita dall’IPOB ha potuto ricevere le cure mediche di cui aveva bisogno. “Il personale medico mi ha detto di aver paura della polizia e dell’esercito, per questo non hanno voluto curarmi”, ha spiegato alla stampa.

Fonte: Aba (Nigeria) (AFP)

([email protected])

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook