Stati Uniti: riconosciuta la coalizione siriana

Alla vigilia del quarto incontro a Marrakech degli “amici del popolo siriano”, che sostiene gli insorti in lotta dal mese di marzo 2011, l’attuale Presidente degli Stati Uniti Barack Obama ha annunciato martedì che gli Stati Uniti riconoscono la coalizione dell’opposizione siriana come “rappresentante legittima del popolo siriano”.   

Gli Stati Uniti dunque, intraprendono la via del Regno Unito, della Turchia, della Francia, e degli Stati del Golfo che hanno riconosciuto la Coalizione siriana (CNS) il mese scorso. Washington D.C si era fino ad oggi mostrata scettica all’idea di conferire questo riconoscimento in ragione di profonde divisioni che regnavano tra le differenti fazioni contrapposte al governo di Damasco.

 

“Abbiamo deciso che la coalizione dell’opposizione siriana era ormai sufficientemente organizzata e rappresentativa del popolo siriano perché noi la considerassimo come rappresentante legittimo dei siriani opposti al regime di Bachar Al Assad”, ha spiegato il 44° Presidente degli Stati Uniti Barack Obama divulgando queste parole attraverso il noto canale televisivo american ABC.  

Questa decisione verge a conferire una nuova legittimità sulla scena internazionale ai ribelli siriani e ad aprire una nuova fase nel tentativo di isolamento delle autorità di Damasco. Pertanto, gli Stati Uniti non hanno l’intenzione di fornire armi all’opposizione, come precisato dai responsabili dell’amministrazione Obama. 

I ministri degli Affari esteri dell’Unione europea non hanno ancora compiuto questo passo. La ragione di questa passività è riconducibile all’esitazione dell’unione stessa nel sostenere combattenti islamici radicali che hanno integrato i ranghi ribelli. Obama ha espresso martedì sera le stese perplessità servendosi di questa argomentazione per giustificare il suo rifiuto nel fornire armi ai ribelli nonostante le critiche di alcuni repubblicani che criticano al Presidente democratico di non essere sufficientemente impegnato in questo conflitto.  

Barack Obama ha citato il gruppo al-Nosra che è stato designato da Washginton D.C come organizzazione terrorista il cui scopo è la confisca della ribellione siriana al profitto di Al Qaeda in Iraq. L’organizzazione in questione ha rivendicato la responsabilità di quasi 660 attacchi nelle grandi città siriane che hanno fatto numerose vittime civili. 

Manuel Giannantonio

12 dicembre 2012

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook