Usa, Italia, Francia e Uk unite: pronto piano anti-Isis

Usa, Italia, Francia e Uk unite: pronto piano anti-Isis

Italia, Francia, Regno Unito e Stati Uniti: una “nuova” coalizione che sta optando per l’intervento militare per sconfiggere l’Isis.

Previsti bombardamenti in Libia – Stando a quanto si apprende dalle indiscrezioni del New York Times, i Paesi alleati stanno ragionando su un piano anti-Isis che attaccherebbe proprio a partire dalle coste libiche, dove la minaccia del Califfato si sta facendo sempre più pesante. La prima azione militare dovrebbe prevedere una serie di bombardamenti aerei destinati a colpire campi di addestramento, centri di comando, depositi di munizioni e altri siti in cui si raggruppano i militanti dello Stato Islamico. Il programma, messo a punto dal Pentagon’s Africa Command e dal Joint Special Operations Command, aspetta di essere confermato da Barack Obama. Al momento, a frenare le intenzioni di Obama di dare il via libera al piano è la situazione interna libica, molto instabile in quanto ancora non si è giunti ad un governo di unità nazionale. Inoltre, secondo il Presidente degli Stati Uniti, un’offensiva dal cielo, se non coordinata in maniera adeguata, rischia di far saltare tutti gli sforzi delle Nazioni Unite per mettere insieme le varie fazioni libiche: c’è, dunque, un percorso diplomatico ancora da percorrere.

USA non rinunciano alla forza – D’altro canto, gli statunitensi non intendono rinunciare alla forza quando la loro incolumità, o quella dei loro alleati, è compromessa: continuano, di conseguenza, i raid aerei mirati con droni e caccia militari come quello che ha colpito pochi giorni fa il campo d’addestramento dell’Isis nell’area di Sabrata, nel quale ha perso la vita la mente degli attacchi terroristici al museo del Bardo a Tunisi.
Il New York Times -riporta l’Ansa– sottolinea come il nuovo dettagliato piano del Pentagono sia il frutto della presenza in Libia negli ultimi mesi di forze speciali americane, britanniche, francesi “e possibilmente anche italiane”. Un’esperienza che ha permesso di raccogliere molte informazioni di intelligence e quindi di individuare con maggior precisione gli obiettivi da colpire. Probabilmente, è stata anche l’occasione giusta per contattare e addestrare alcune milizie libiche filo-occidentali.

Francia inizia le esercitazioni militari – Intanto, la Francia, con l’aiuto dell’Egitto, ha già avviato una campagna di esercitazioni militari al largo delle coste di Alessandria d’Egitto e nello spazio aereo controllato dal Cairo.

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook