Stati Uniti: Sandy non ferma la maratona di New York

Il sindaco di New York Michael Bloomberg ha annunciato mercoledì nel corso di una conferenza stampa che la maratona della città si terrà come previsto nella giornata di domenica, nonostante i danni causati dall’uragano Sandy.

 

La 43° edizione della maratona di New York dunque domenica invaderà con i suoi 50.000 atleti le strade della città. Le stesse strade che rappresentano ancora la chiara testimonianza del passaggio dell’uragano Sandy che dal New Jersey a New York e lungo la East Coast ha provocato circa 70 morti e molti danni.

“Ci sono delle persone che dicono che non si dovrebbe correre la maratona quest’anno ma c’è un gran numero di piccoli commerci che dipendono da questo evento. Abbiamo bisogno di queste entrate economiche”, ha puntualizzato Bloomberg a proposito di un evento che genera, ricordiamolo, più di 300 milioni di dollari ogni anno.

Il New York Road Runners, club organizzatore della corsa, ha spiegato mercoledì che occorrerà assumere delle firme private per sostituire gli agenti della città normalmente associati nell’inquadramento medico e della sicurezza della corsa che sono attualmente impegnati negli sforzi per la pulizia e gli aiuti ove necessario. “Ciò motiverà il mondo intero, nonostante ciò che è accaduto si correrà lo stesso e si offrirà un bello spettacolo” ha dichiarato il vincitore della maratona nel 2009, l’americano Meb Keflezighi.

La riapertura delle linee della metro, che ha timidamente ripreso la propria funzione potrebbe impiegare molto tempo per tornare a funzionare a pieno regime. La metropolitana inoltre è un elemento organizzativo essenziale per la pianificazione dell’evento. Sandy ha provocato la morte di 72 persone nei dintorni della grande mela e circa 500.000 persone sono ancora senza elettricità e occorrono ancora diversi giorni prima l’attuale situazione rientri nella normalità quotidiana, come comunicato dalle autorità locali e dalla NYPD (New York Police Department).     

Manuel Giannantonio
1 novembre 2012

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook