USA: Trump in testa prima della tappa in Iowa

USA: Trump in testa prima della tappa in Iowa

A cinque giorni dal primo atto delle primarie repubblicane in Iowa, il miliardario Donald Trump schiaccia la concorrenza. La sua posizione nei sondaggi è la più alta e il “palazzinaro” si permette il lusso di boicottare l’ultima sfida di giovedì

DES MOINES – L’attenzione dei mass media è puntata sull’elettorato dell’Iowa. Uno Stato simbolicamente importantissimo da questo punto di vista poiché rappresenta la partenza ufficiale delle primarie. Tutti i candidati sono a caccia dell’investitura del loro partito per le presidenziali di novembre.

La cosa sorprendente, è che Donald Trump è il preferito dei repubblicani, con il 41% delle preferenze su scala nazionale, secondo quanto proposto da un sondaggio condotto dalla CNN, contro il 19% del senatore texano Ted Cruz, un conservatore che corteggia l’elettorato evangelico. I due dovevano affrontarsi in un dibattito organizzato dal canale Fox News giovedì a Des Moines, la capitale dello Stato, ma il miliardario ha annullato la sua partecipazione, fustigando il canale e la giornalista star dell’emittente Megyn Kelly.

“M. Trump sa quando un affare si preannuncia pessimo. Fox News guadagna decine di milioni di dollari grazie ai dibattiti, batte record di audience (i più altri mai registrati), mentre negli anni precedenti i dibattiti non avevano questo clamore”, ha dichiarato il suo team elettorale. “Contrariamente alle persone stupide, altamente incompetenti che dirigono qualsiasi cosa nel nostro paese, M. Trump ha saputo ritirarsi in tempo. Roger Ailes e Fox News pensano di poter giocare con lui, ma Trump non gioca”, spiega il comunicato.

Fox News non ha fatto attendere la propria risposta condannando il trattamento di Trump nei confronti del canale e di Megyn Kelly. Trump ha spiegato di non voler sostenere il dibattito visto che l’ultima volta è stato oggetto di maltrattamenti da parte della nota giornalista. Nell’ultimo episodio che li ha visti protagonisti, Megyn Kelly ricordò a Trump come in passato, abbia spesso proliferato insulti nei confronti delle donne.

Ted Cruz ha ironizzato sulla “paura” di Donald Trump nei confronti di Megyn Kelly (che chiaramente è in grado di metterlo in serissima difficoltà). Le elezioni dell’Iowa sono una tappa fondamentale per il senatore del Texas, che sogna di infliggere un colpo simbolico all’uomo che domina, almeno per ora, la gara repubblicana.

Per raggiungere il proprio scopo Ted Cruz ha pensato di guadagnarsi il sostegno del movimento evangelico molto influente in questo Stato. Sei elettori repubblicani su dieci nel 2012 erano repubblicani. Il presidente dell’associazione Family Research Council, che è contrario all’aborto e alle unioni civili, è con Cruz. Certo, Trump non resta con le mani in mano e infatti ha ottenuto il consenso dell’élite conservatrice Jerry Falwell Jr, rettore dell’Università evangelica Liberty University.

(T[email protected])

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook