Stati Uniti: Obama raggiunge 181 milioni di dollari a settembre

Barack Obama ha annunciato sabato di aver recuperato 181 milioni di dollari a settembre, un record nel 2012 è la seconda buona notizia, dopo la riduzione del tasso di disoccupazione, in una settimana marcata dalla sua prestazione a dir poco convincente nel confronto televisivo che lo ha opposto al suo rivale repubblicano alla presidenza.
La somma di 181 milioni dollari rappresenta un record nella campagna del 2012, ma la squadra di Obama ha fatto ancora meglio nel settembre del 2008, innalzando 193 milioni di dollari. L’entourage di Obama aveva già sconfitto in questo settore il team dell’ex governatore del Massachusets Mitt Romney, sorpassando nettamene il risultato da loro raggiunto.

Ad un mese esatto dallo scrutinio del 6 novembre, questi milioni di dollari permettono ad Obama di inondare le televisioni con spot pubblicitari. Ma il suo rivale, che non ha ancora annunciato l’ammontare della cifra innalzata dal suo team, può certamente contare su un numero superiore di “SuperPac”, i comitati di sostegno indipendenti finanziati della imprese e dai ricchi donatori, che possono spendere senza contare. 
Questa importante notizia è stata comunicata dal direttore della squadra della campagna elettorale di Obama, Jim Messina, in un convegno organizzato per i sostenitori del presidente democratico uscente. “ Ho grandi notizie e voglio che voi siate i primi a riceverle”, ha dichiarato Messina in questo messaggio. “Abbiamo raggiunto il gap di 10 milioni di donatori per la campagna del 2012 e il Partito democratico, un record, ma non abbiamo ugualmente raggiunto la cifra di 181 milioni di dollari a settembre con circa 1,8 milioni di americani, tra i quali circa 567.000 hanno partecipato per la prima volta. E senz’altro il nostro mese migliore”. Sempre secondo Messina la donazione media nel mese di settembre è stata quantificata con 53 dollari e il 98% dei contributi erano inferiori o uguali a 250 dollari. L’annuncio di sabato costituisce per Barack Obama la seconda notizia assolutamente eccellente ottenuta in due giorni.
Approfittando della situazione per togliersi di dosso le accuse ricorrenti di Mitt Romney sul suo bilancio economico, il presidente aveva rassicurato tutti sul fatto che il paese “sta andando avanti”. Dopo una perfomance un po’ anonima nell’attesissimo primo confronto televisivo con Mitt Romney, mercoledì a Denver nello Stato del Colorado(Ovest), la notizia ha avuto un effetto salutare, una vera e propria iniezioni di fiducia, aria pura per i democratici. Il suo rivale che era sabato in Florida, dove prepara il prossimo dibattito televisivo che lo opporrà ancora una volta di fronte a Barack Obama, il 16 ottobre, ha già fatto sapere che questi numeri non costituiscono una vera ripresa.
Nel suo messaggio radiofonico, Barack Obama, che si recherà oggi in California ha tuttavia riconosciuto che troppi Americani “cercano ancora un lavoro e lottano per pagare le tasse”, chiamando il Congresso ad agire per sostenerli e aiutarli.

Manuel Giannantonio

7 ottobre 2012

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook