Venezuela: dimostrazione di forza di Chavez a Caracas

Due diversi tipi di folle hanno accolto Hugo Chavez nel corso del’ultimo meeting della sua campagna elettorale a Caracas giovedì. Sotto la pioggia battente, vestito con un impermeabile nero, il candidato del PSUV ha pronunciato il suo ultimo discorso, senza lasciar trasparire nessuna emozione particolare anche se potrebbe essere il suo ultimo discorso politico dopo una carriera ventennale di incredibile intensità, che toccò il suo apice nel 1992 quando vi fu un tentavo di colpo di Stato.
Il discorso di Chavez sul grande palco installato a piazza Bolivar non resterà negli annali. Sarà colpa della pioggia o della stanchezza? Il presidente non ha fatto nessuno dei suoi tipici annunci ad effetto che colpiscono, non era lì per sviluppare un programma, ma per mostrare la capacità di mobilitazione del suo entourage e in questo senso almeno è stato un vero successo.

In mezzo al tripudio di camice rosse, ha iniziato il meeting cantando l’inno nazionale tentando successivamente di presentare un bilancio dei suoi quattordici anni al potere. “Abbiamo salvato la patria! … “, qualificando il suo avversario come “ricachones”, probabile contraddizione di rico (ricco) e cohino (Porco), si è tuttavia detto convinto della propria vittoria alla presidenziali.
Hugo Chavez ha chiamato i suoi simpatizzanti a mobilitarsi dalle 3 del mattino domenica nei luoghi in cui si voterà: “ Nessuno deve mancare il trionfo sarà schiacciante. Per niente al mondo dobbiamo permettere che ricomincino a liquidare il venezuela..” Nelle strade principali di Caracas due diverse locazioni sono state preparate per l’intervento di “el comandante”, ma il presidente uscente si è pronunciato solo a Bolivar. Nel camion scoperto che lo conduceva nel bagno di folla nella Universidad Avenue dopo il suo intervento, è stato colto da un malore che lo ha costretto ad interrompere la sua trionfante sfilata. Nonostante la sua convalescenza dopo due interventi uno nel 2011 e uno quest’anno nella sua lotta contro il tumore, Chavez continua ad essere limitato nelle sue capacità fisiche.
Circa poco più di un milione di persone hanno assistito a Caracas al metting di Chavez, occupando le principali strade del luogo. Tutti i funzionari beneficiano di un giorno di riposo giovedì. Alcuni membri della campagna cominciano tuttavia a mostrare incertezze e inquietitudini sulla vittoria domenica. L’annullamento di uno dei due discorsi di giovedì a Caracas, la partenza prematura di Chavez rilanciando le sue speculazioni sulla sua salute e dunque la sua capacità limitata di assumere un nuovo mandato di sei anni date le scarse condizioni fisiche effettivamente lasciano molti dubbi in proposito.
Nello stesso momento, Henrique Capriles Radonski presenziava un meeting nello Stato di Lara diretto da Henri Falcon, un ex chavista. Il candidato della MUD, come di consueto, ha presentato la lista delle promesse non mantenute dall’attuale presidente nella regione. “Potremmo scriverci un libro” ha affermato. “Nel 1999, ha detto che non potevamo continuare a comprare armi. Quanti milioni di armi abbiamo comprato dalla Russia da allora ? Bene ora la situazione è peggiore rispetta al 1999”.

Manuel Giannantonio

6 ottobre 2012

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook