Venezuela: Chavez evoca una probabile guerra civile

L’attuale presidentte venezuelano ha ufficialmente consegnato la sua candidatura per le prossime elezioni presidenziali. Le elezioni si terranno il 7 ottobre in Venezuela. Il presidente uscente Hugo Chavez ha predetto “una profonda destabilizazzione” del paese se il suo rivale, Henrique Capriles sarà eletto. Hugo Chavez tenta dunque di convincere gli indecisi per chi votare nelle prossime elezioni presidenziali. I sondaggi infatti ad un mese circa dall’elezione lo danno sfavorito. Domenica, nel corso di un intervista alla televisione di Stato, Hugo Chavez ha affermato che l’oppozione sta preparando un programma neo liberale occulto, cosa che potrebbe ricondurre ad uno stato di cose che non rapresenterebbe il vero Venezuela.

L’attuale presidente in seguito ha previsto “uno scenario disastroso, una profonda destabilizzazione che potrebbe condurre ad una guerra civile”. Per il presidente dell’Istituto DataStrategia Carmen Betariz questa minaccia è una tecnica ricorrente del capo di Stato venezuelano, che sta agendo proprio come fece nel corso delle elezioni legislative del 2010, Beatriz evidenzia come Chavez sia consapevole dell’eventualità sempre più probabile di una sconfitta alle presidenziali. Si sta comportando in questa maniera proprio in virtù di questa consapevolezza e a causa del tempo che avanza inesorabilmente. Chavez si sente quindi sottopressione e cerca di edificare un piano per ristabilire la sua situazione e cercare di recuperare il terreno perso a vantaggio dell’avversario dell’opposizione. Hugo Chavez rifiutò negli ultimi mesi di confrontarsi contro il suo diretto avversario definendolo come un “porco”, “un mediocre”, e un icona di capitalisti. Il 7 ottobre prossimo, il popolo venezuelano tornerà alle urne per eleggere il suo nuovo presidente mentre Hugo Chavez cercherà di ottenere il suo terzo mandato da capo di Stato.    

Manuel Giannantonio

6 settembre 2012

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook