Romania: referendum non raggiunge il quorum, Basescu è salvo

Il referendum di ieri in Romania sulla destituzione del presidente Traian Basescu è risultato non valido, in virtù del mancato raggiungimento del quorum del 50% più uno degli aventi diritto (45,92% l’affluenza).

La consultazione popolare doveva confermare o meno la destituzione del presidente della Repubblica decisa dalla maggioranza di centrosinistra in Parlamento, guidata da Victor Ponta, il 6 luglio scorso.

 

Il presidente Basescu pertanto resta in carica, riacquistano i poteri che erano stati sospesi. La stragrande maggioranza degli elettori si è tuttavia dichiarata a favore della destituzione di Basescu: l’87,55% ha votato per il completamento dell’iter di impeachment approvato dal Parlamento.

La Romania sta vivendo la più grave crisi istituzionale della sua (breve) storia democratica, e il risultato di ieri senz’altro non contribuirà ad attenuare la tensione, ormai alle stelle, tra il presidente Basescu e il premier Ponta.

Il presidente della Repubblica, accusato di aver violato la Costituzione e di aver impoverito la popolazione romena accettando ed attuando le riforme di austerità chieste dal Fmi, ieri sera dopo la chiusura delle urne ha attaccato: “I romeni hanno respinto il colpo di Stato di 256 parlamentari guidati da Victor Ponta (il premier) e Crin Atonescu (presidente ad interim), i capofila dell’Unione social liberale. Voglio ringraziare coloro che, superando la collera, hanno capito che il referendum non era su Basescu, ma sull’Europa”.

A Basescu, già “sopravvissuto” ad un impeachment nel 2007, ha risposto Victor Ponta: “Non si può ignorare la volontà di milioni di romeni”.

All’indomani del referendum la Romania resta chiusa tra due fuochi, quello di un presidente ormai impopolare, accusato di governare con metodi autoritari e padronali, e ritenuto il simbolo della corruzione dilagante nel Paese, e quello di un primo ministro che con modi antidemocratici sta cercando di eliminare la più alta carica istituzionale, rivoluzionando pericolosamente l’intero assetto politico della Romania.

Ermes Antonucci

30 luglio 2012

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook