USA: poliziotto colpisce brutalmente una studentessa afroamericana in classe

USA: poliziotto colpisce brutalmente una studentessa afroamericana in classe

La brutalità delle forze dell’ordine statunitensi è frequente, come ci ricordano gli ultimi fatti di cronaca. Gli episodi si susseguono attraverso il paese con una certa regolarità. L’ultimo esempio arriva da un liceo nello Stato della Carolina del sud

SOUTHCAROLINA – L’ultimo caso di violenza poliziesca è stato filmato ieri, lunedì 26 ottobre, in un liceo nella Carolina del sud. Il video mostra una ragazzina afroamericana seduta e barbaramente buttata a terra da un agente. Il video, ha inevitabilmente fatto il giro della rete, diventando rapidamente virale: “Ecco il video integrale dell’agente di polizia che aggredisce brutalmente un’alunna calma del liceo di Spring Valley”. L’uomo delle forze dell’ordine è uno «school ressource officer», sostanzialmente un agente di polizia incaricato della sicurezza nelle scuole. Sempre più distretti americani ricorrono a questa figura nelle proprie strutture. La giovane ragazza, che evidentemente non voleva lasciare l’aula, è stata arrestata e rilasciata.

Il poliziotto, che è anche coach della squadra di football del liceo, è stato costretto a controlli e pratiche amministrative, come riportato dal New York Daily News. Un portavoce del distretto scolastico ha dichiarato che questo agente non lavorava nelle scuole locali. La brutalità poliziesca nelle scuole, non è certamente nuova come ricorda l’Huffington Post. Nel novembre del 2014, nello Stato del Colorado, un agente di polizia, colpì in pieno volto con un pugno, un alunno che litigava con un altro coetaneo. Lo scorso mese, un agente gettò a terra un ragazzo per interrompere una lite, in Texas mentre nel Rhode Island, un ragazzo è stato violentemente picchiato in una circostanza simile.

I casi ripetuti hanno motivato un gruppo di militanti che parlano apertamente di scuola-prigione («school to prison pipeline»), per descrivere il modo in cui le infrazioni vengono punite.

 

([email protected])

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook