Egitto: Mubarak dichiarato “clinicamente morto”

Affetto da depressione, difficoltà respiratorie e cardiache e da ipertensione, secondo fonti mediche e dagli avvocati stessi, Mubarak è stato vittima martedì di un attacco cerebrale e ha dovuto subire una nuova defibrillazione cardiaca. Nel corso del processo era apparso di fronte ai giudici su una barella in un box circondato da sbarre. Un immagine certamente distante da quella alla quale ci aveva abituato Hosni Mubarak. Nel corso del suo arrivo come capo di Stato nel 1981, nessuno all’epoca poteva prevedere il cammino che avrebbe compiuto quell’uomo privo di carisma. Reputato come pragmatico, ma anche orgoglioso si appoggiava alle forze dell’ordine e a un partito completamente devoto nei suoi confronti per regnare sul paese, e sul popolo arabo per tre decenni.

Il mantenimento degli accordi di pace conclusi nel 1979 con Israele e la sua reputazione di moderato al mondo arabo hanno garantito al suo regime autocratico i favori dell’Occidente, in particolar modo degli Stati Uniti dei quali resterà anche successivamente alleato. Mubarak infatti con i suoi caratteristici occhiali che nascondono lo sguardo è diventato una presenza consueta nelle riunioni internazionali. Inoltre si è anche dimostrato un avversario risoluto dell’islamismo radicale di Al Qaeda ma senza intaccare il movimento conservatore dei Fratelli musulmani, oggi ufficialmente prima forza politica dell’Egitto. La politica di apertura economica degli ultimi anni della sua presidenza ha innescato un decollo economico rimarcabile, ma anche un aumento delle illegalità, della corruzione e del malcontento sociale. Durante la sua lunga carriera , è sfuggito a diversi tentativi di attentati. E stato ospedalizzato in Germania nel 2010 per una ablazione della colecisti e la rimozione di un polipo del duodeno. Nato il 4 maggio del 1928 in una famiglia della piccola borghesia rurale del delta del Nilo, Mohammed Hosni Mubarak si è arruolato nell’esercito giovanissimo fino a diventare comandante e capo delle forze aree, poi vice presidente nell’aprile del 1975. Hosni Mubarak è stato sposato a Suzanne Thabet, che fu molto influente nel suo entourage.

Manuel Giannantonio

20 giugno 2012

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook