USA: Ucciso un afroamericano durante un semplice controllo stradale a Cincinnati

USA: Ucciso un afroamericano durante un semplice controllo stradale a Cincinnati
Screnn shot del video girato il 19 luglio Cincinnati (Ohio)

Il poliziotto è stato accusato di omicidio. Le immagini di un video rivelano come l’agente non corresse alcun pericolo nella circostanza. Si ripete l’ennesima tragedia che vede la morte di un afroamericano per mano di un poliziotto bianco

Screnn shot del video girato il 19 luglio Cincinnati (Ohio)
Screen shot del video girato il 19 luglio Cincinnati (Ohio)

CINCINNATI (OHIO) – Un nuovo video inchioda la polizia americana. Un ufficiale è stato accusato di omicidio per la morte “insensata” di un uomo afroamericano, ucciso durante un semplice controllo a Cincinnati (Ohio), come indicato dal procuratore incaricato del dossier, mercoledì 29 luglio.
Ray Tensing, poliziotto 25enne nel campus dell’Università di Cincinnati è accusato di aver ucciso, il 19 luglio, Sam DUBose, 43 anni e padre di un bambino di 10 anni. In un primo momento, Ray Tensing ha dichiarato agli investigatori di aver sparato a causa della fuga della vittima. Tuttavia, la sua testimonianza crolla di fronte all’inequivocabile evidenza del video che ha ripreso la scena. La ripresa mostra come il poliziotto non sia mai stato veramente in pericolo di vita. L’agente Ray si avvicina al veicolo di Sam DuBose e gli chiede ripetutamente di presentare i documenti, l’uomo alla guida dell’autovettura spiega di non aver con sé la patente di guida. Dice di averla dimenticata a casa. Dopo queste parole, SamDuBose tenta di avviare la macchina e in una frazione di secondo appare sullo schermo una pistola e istantaneamente parte il colpo.

UN GESTO INSENSATO

L’agente Ray Tensing Foto: The New York Times

L’agente Ray non aveva a che fare “con un uomo ricercato per omicidio, ma semplicemente con un uomo senza targa sulla macchina”, ha dichiarato alla stampa Joseph Deters, procuratore della contea di Hamilton.
“È incredibile la velocità con la quale ha estratto l’arma e ha sparato. Forse un secondo. Incredibile. È così insensato”, ha rivelato il procuratore, prima di diffondere il video. “Credo che abbia perso la calma perché DuBose rifiutava di scendere dalla macchina”.
In un’intervista concessa a un canale televisivo dell’Ohio, l’avvocato dell’ufficiale Tensing, Spezzatino Mathews, ha contestato i commenti sul caso affermando che altri video della sparatoria avrebbero raccontato una storia diversa. Ha detto che il suo cliente ha pianto quando ha sentito della requisitoria.

L’ufficio del procuratore della contea ha dichiarato che nessun funzionario di polizia nella contea di Hamilton – la cui sede è a Cincinnati – sia mai stato incriminato con l’accusa di omicidio con abuso di potere durante il servizio.

La morte del signor Dubose, afroamericano, per mano dell’agente Tensing, che è bianco, si aggiunge a una serie di casi recenti – come quelli di Staten Island; Cleveland; Baltimora; North Charleston, Ferguson, Missouri, tra gli altri – che hanno sollevato pesanti interrogativi sull’uso delle armi da parte delle forze dell’ordine e sul ruolo stesso della polizia. Alcune videocamere hanno registrato molti di questi episodi e altri incontri, non letali – come l’arresto di Sandra Bland, che morì tre giorni dopo in una cella del penitenziario del Texas.
Una manifestazione organizzata dal corpo di polizia, è stata organizzata ieri sera a Cincinnati. Per precauzione, l’Università della città è stata chiusa e il campus barricato lungo il perimetro. Misure di sicurezza necessarie in virtù degli scontri scoppiati nel 2001 in città dopo la morte di un giovane afroamericano, Timothy Thomas, ucciso anche lui, proprio da un poliziotto bianco.
I funzionari della città, i leader religiosi e membri della famiglia del signor Dubose hanno supplicato per la pace nelle strade della città, sperando di non vedere ripetersi il tipo di violenza che ha scosso Baltimora lo scorso aprile dopo la morte di un altro afroamericano morto in custodia nei locali della polizia.

Angolo di strada di Cincinnati diventato lugo del ricordo di Sam DuBose Foto: Andrew Spear – The New York Times

Diverse centinaia di persone hanno sfidato un temporale per circa un’ora e mezza al di fuori del Palazzo di Giustizia di Hamilton County, cantando: “Io sono Sam Dubose.”

Don Allen, che si è identificato come il nipote del signor Dubose, ha detto alla folla che la sua famiglia è stata soddisfatta dell’accusa pronunciata, ma ha anche detto che giustizia sarà fatta solo quando l’ufficiale Tensing sarà stato dimostrato colpevole. “Quello che ha fatto è ingiustificato”, ha dichiarato. “Questa volta, Ray Tensing sarà condannato.”

IL VIDEO DELL’ACCADUTO:


Il dibattito negli Stati Uniti prosegue in maniera direttamente proporzionale alle continue sbavature espresse dalla polizia che continua a ripeter questi “errori”. È comunque la prima volta che un poliziotto bianco viene incriminato così rapidamente, rischia l’ergastolo per abuso di potere e omicidio.

Di Manuel Giannantonio
([email protected])
30 Luglio2015

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook