Mali: presidente colpito da manifestanti

Il presidente ad Interim maliano Dioncounda Traorè è stato colpito e ferito lunedì nel suo ufficio personale di Kouloba, nei pressi di Bamako, da alcuni manifestanti in collera contro la sua designazione come capo della transizione e ospedalizzato secondo quanto riferito da fonti locali. Non è in pericolo di vita.

Traoré è stato ferito da manifestanti e trasportato all’ospedale come dichiarato da Baye Coulibaly, reporter del quotidiano del governo L’Essor, che era presente sul luogo. Una fonte della segreteria generale ha confermato le sue informazioni così come una fonte vicina a Traoré. 

 

Lo stesso Traoré avrebbe fornito all’ospedale informazioni sul suo stato di salute dichiarando di non essere in pericolo di vita , informazioni successivamente confermate dai media locali e nazionali. Secondo un reporter presente sul luogo alcuni manifestanti hanno sfondato il cancello della segreteria generale del ministero degli Esteri penetrando nella struttura nonostante la presenza di un centinaio di guardie nazionali. Secondo fonti della stessa struttura “i manifestanti hanno superato le forze di sicurezza che proteggevano i fianchi e la parte frontale del palazzo, arrivando anche dalla parte posteriore”.

Nessuna altra indicazione è stata immediatamente disponibile su altri feriti nel corso delle violenze che si verificano il giorno successivo dell’accordo sulla transizione dopo il colpo di Stato del 22 marzo condotto dai militari guidati dal Capitano Amadou Haya Sanogo. Questi accordi conclusi dallo stesso capitano Sanogo prevedono la designazione di Dioncunda Traoré come capo della transizione per un anno a partire da questo martedì, data di scadenza prevista dalla Costituzione vigente nel paese.                                                                         

Manuel Giannantonio

21 maggio 2012

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook