Siria, 62esimo venerdì di proteste: centinaia di arresti e 22 morti

Il 62esimo venerdì santo dall’inizio delle proteste contro Assad ha visto morire altre 22 persone in tutto il paese.
Alcuni attivisti hanno riferito di una potente esplosione a Damasco, la maggior parte delle vittime è concentrata a Homs, sotto bombardamento costante da settimane.

Ad Aleppo, seconda città del paese, oggi si è svolta la più imponente e numerosa manifestazione di sempre, il presidente  dell’Osservatorio siriano dei diritti dell’Uomo,  Rami Abdel Rahmane, ha commentato la manifestazione con queste parole: “Migliaia di persone hanno manifestato nonostante la repressione”.
La repressione continua dunque, ed a tal proposito oggi si è espresso Il premier turco Recep Tayyip Erdogan che al termine di una  una conferenza stampa a Varna, sul Mar Nero, ha dichiarato: “Il piano Annan non funziona e questo ci preoccupa tanto. Gli osservatori in Siria non devono essere 300 ma 3 mila. ‘La gente scappa dalle armi di Assad e i profughi ormai sono oltre centomila.
Erdogan ha poi sottolineato come le oltre 10 mila vittime civili causate dalla repressione del regime rendono la situazione drammatica.

Enrico Ferdinandi

18 maggio 2012

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook