Armenia: Elezioni coronano vincitore il partito repubblicano

Si vota molto nel mondo negli ultimi giorni dalla Francia che ha visto trionfare nelle presidenziali Francois Hollande contro il presidente uscente Nicolas Sarkozy, in Grecia, in Germania, e anche da noi per le elezioni amministrative ma si votava anche in Armenia dove il partito del presidente armeno, Serj Sarkissian, ha vinto le elezioni legislative di domenica, secondo i primi risultati pubblicati questo lunedì, uno scrutinio il cui svoglimento ha suscitato critiche da parte degli osservatori internazionali.

Il partito repubblicano ha ottenuto il 44% delle preferenze offrendo un trampolino di lancio al presidente per mettere le mani sul secondo mandato a capo dell’ex repubblica sovietica nel 2013. Nonostante la vittoria, il partito repubblicano dovrebbe cercare di avvalersi di collaboratori per creare e formare una nuova coalizione. Il partito armeno grazie soprattutto all’uomo d’affari che lo ha diretto, Gagik Tsaroukian, ha riportato il 30% dei voti. I due prinicpali partiti protagonisti di queste elezioni hanno incentrato le rispettive campagne elettorali sulle questioni economiche e sociali del paese. I loro programmi economici non comportano però differenze maggiori, dato che richiamano entrambi allo sviluppo economico e industriale del paese e perseguire la collaborazione con la Russia e le organizzazioni finanziarie internazionali. L’economia armena è stata colpita e messa a dura prova dalla guerra con l’Azerbaidjan negli anni 90’ e successivamente dalla crisi finanziaria internazionale del 2008-2009. Altri tre partiti hanno preso il 5% dei voti necessari per entrare in parlamento, nel movimento di opposizione Congresso Nazionale Amerno (CNA) dell’ex presidente Levon Ter-Petrossian. Considerato come un vero e proprio test democratico le votazioni si sono svolte in clima pacifico e calmo, lontano dalle violenze dell’elezione presidenziale del 2008, nonstante qualche problema rilevato a livello organizzativo.  

Manuel Giannantonio

7 maggio 2012

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook