Ucraina: 27 feriti in una serie di attentati

Almeno 27 persone sono state ferite venerdì 27 aprile in una serie di esplosioni simultanee a Dnipropetrovsk, una grande città  industriale dell’Est del paese. Nove bambini figurano tra le vittime. Il procuratore della città ha aperto un inchiesta “per terrorismo”. La prima esplosione, che ha fatto 13 feriti, si è prodotta nei pressi di una fermata del tramway poco prima di mezzogiorno. La seconda, che ha provocato 11 feriti, è sopraggiunta vicino a un parco, ferendo tre persone. Numerosi video amatori, come quello che possiamo visualizzare direttamente sul sito di questa televisione locale o del canale 5, mostra una città colpita e invasa dallo stupore.

E caldo in questo momento in Ucraina e le strade della città e del centro erano piene di persone. Queste esplosioni sono avvenute mentre il paese si sta preparando nell’organizzazione per accogliere gli europei di calcio tra sei settimane. La manifestazione calcistica inoltre è organizzata con la complicità della Polonia che costituisce proprio con la vicina Ucraina i paesi ospitanti. La città non dovrà comunque accogliere nessuna partita del torneo. Questi attentati sono “una sfida lanciata al paese intero”, ha annuciato il presidente ucraino Viktor Ianoukovitch. Assicura inoltre “ che i migliori investigatori” saranno mobilitati per condurre l’inchiesta e che le forze di sicurezza faranno tutto il possibile e il necessario per mantenere e garantire l’ordine durante loi svoglimento dell’attesissima manifestazione. Queste esplosioni colpiscono la città originaria dell’ex primo ministro Ioulia Timochenko, oggi incarcerata. L’Ucraina attualmente è sotto la forte pressione internazionale mentre la detenuta nel corso della settimana scorsa ha proclamato uno sciopero della fame illimitato, dopo essere stata vittima di violenza nella struttura in cui è attualmente detenuta. Molti capi di Stato europei hanno minacciato che non si recheranno in Ucraina per l’occasione dell’aperutra della competizione se alcuna inchiesta non sarà condotta su questo incidente. Il commissario europeo incaricato della giustizia e dei diritti fondamentali, Vviane Reding, ha chiesto a Michel Platini, presidente dell’Unione Europea di calcio (UEFA), di preoccuparsi “della drammatica situazione nella quale si trova Ioulia Timochenko”. Alcuni media locali legano già qeusti attentati alla tensione generata intorno all’ex primo ministro anche se alcuni elementi dell’inchiesta non confermano questa ipotesi.

Manuel Giannantonio

27 aprile 2012

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook