Corea del Nord: primo discorso alla nazione di Kim Jong Un

Il numero uno nord coreano, Kim Jong Un, ha affermato domenica che la Corea del Nord non sarà mai più minacciata dalla bomba atomica, nel corso del suo primo discorso pubblico alla Nazione, due giorni dopo le critiche degli Stati Uniti per il lancio di un missile. Gli occidentali accusano il regime comunista di Pyongyang di detenere alcune bombe nucleare e di procedere a test atomici alfine di ottenerne la miniaturizzazione ed installarle su dei missili. “La superiorità militare e tecnologica non è più solo nelle mani degli imperialisti.

Il tempo in cui il nemico ci minacciava è finito”, ha proclamato il giovane dirigente lasciando intendere che il paese detiene l’arma deterrente. “Nessun paese può attaccarci” ha aggiunto Kim Jong Un, in presenza dei più alti responsabili dell’esercito e del partito., venuti a partecipare alla cerimonia del centesimo anniversario della nascita del nonno, Kim Il Sung, morto nel 1994. Ha ricordato che L’esercito popolare della Corea aveva “cominciato la sua storia con due pistole”. “Noi abbiamo acquisito molta esperienza e oggi siamo capaci di battere qualsiasi nemico” ha puntualizzato acclamato dalla folla in delirio per il nuovo leader. L’esercito della Corea del Nord conta 1.2 milioni di soldati ed è considerato come il 4° nel mondo in termini effettivi, ma il suo armamento in maggioranza di fabbricazione russa è un po’ datato. ”Per il nostro popolo, la pace è molto importante, ma la dignità e la sovranità sono altrettanto primordiali. “L’esercito deve difenderli” sentenzia Kim Jong Un. Il nuovo capo di Stato ha anche invocato la situazione economica del paese, in preda ad una grave crisi alimentare, una delle più rilevanti al livello mondiale. I coreani del nord, “che hanno affrontato tante sfide e servito fedelmente il partito, non avranno più da fare sacrifici e godranno pienamente della prosperità socialista”, ha promesso Kim Jong Un. Esprimendosi con tono rigido e senza passione, togliendo raramente lo sguardo dal proprio testo, il leader ha tenuto a salutare la memoria del proprio nonno Kim Il Sung, fondatore della Repubblica popolare democratica della Corea (RPDC) nel 1948. “Porgo i miei rispetti più puri ai grandi compagni Kim Il Sung e Kim Jong Il” ha dichiarato accompagnato dall’ovazione del pubblico presente. Kim Jong Un ha succeduto al padre deceduto nel mese di dicembre a l’età di 69 anni ed ha accettato questa settimana la posizione di capo del Partito dei lavoratori della Corea e della potenza Commissione Nazionale della Difesa.  “ In rotta verso la nostra vittoria finale!” ha proclamato il terzo erede della dinastia dai Kim” putando il dito in direzione dei milioni di soldati che l’hanno acclamato al grido di “lunga vita” . La parata si è conclusa con diversi passaggi di uno squadrone di cinque MIG-29 nel cielo blu, che hanno lasciato cadere dei pennacchi di fumo multicolore.             

Manuel Giannantonio

15 aprile 2012

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook