Siria, Turchia accusa regime: chiara violazione del confine

Per il prossimo 12 aprile è prevista la fine delle violenze in Siria, ma ciò che accade in Medioriente non sembra far presagire affatto questo epilogo. Difatti negli scorsi giorni sono continuate le azioni repressive da parte dell’esercito di Damasco mentre ieri si è superato il limite quando l’esercito lealista ha sparato contro un campo di profughi siriani in Turchia causando tre feriti. Il premier turco Recep Tayyip Erdogan ha commentato quando avvenuto denunciando una “chiara violazione dei confini – Erdogan ha poi aggiunto – ovviamente prenderemo le misure necessarie”.

Per la prima volta quindi gli interventi armati escono dai confini siriani e rischiano di far innescare quella catena di eventi tanto temuta che potrebbe portare all’intervento militare anche di altre nazioni.
Ipotesi questa molto più che plausibile se si pensa che stamani, ricordiamo che per oggi era previsto il ritiro di militari e carrarmati da tutte le città (secondo il piano di pace dell’Onu accettato da Assad),  sono ricominciati i bombardamenti in molte città della Siria, come a Mareh, nella provincia di Aleppo. Abdel Rahman, il presidente dell’Osservatorio siriano per i diritti umani (con sede a Londra) ha dichiarato: “I carri dell’esercito bombardano la località di Mareh, e gli elicotteri del regime stanno volando sopra la citta, diversi colpi di mortaio hanno raggiunto anche alcune località ad Homs”.
Dopo l’attacco dell’esercito lealista al campo profughi nel sud della Turchia (nella Provincia di Hatay) di ieri, oggi vi si recherà l’inviato internazionale di Onu e Lega araba Kofi Annan  che poi si andrà in Iran. Sempre in giornata il ministro degli Esteri siriano Walid Muallem incontrerà Sergei Lavrov, ministro degli esteri russo, per cercare ulteriore sostegno da parte della Russia.
Ricordiamo che, secondo dati Onu, fin ora le forze siriane in 13 mesi hanno causato la morte di 9.000 persone.

Enrico Ferdinandi

10 aprile 2012

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook