Birmania: popolo chiamato a votare per elezioni di storica importanza

Il popolo birmano è chiamato alle urne questa domenica per delle elezioni legislative di storica importanza. Per la prima volta Aung San Suu Kyi è ufficialmente autorizzata a parteciparvi. Dopo 50 anni di dittatura la Birmania si appresta ad entrare nel vivo delle elezioni legislative parziali altamente simboliche. La leader dell’opposizione, Aung San Suu Kyi, dovrebbe ottenere la vittoria in almeno un seggio , e il suo partito la Lega nazionale per la democrazia (LND) potrebbe conquistare spazi importanti.

Una goccia d’acqua nell’oceano: tra il parlamento nazionale e le assemblee regionali, esistono in totale 1158 seggi,  creati dalla vecchia giunta militare al potere. Le elezioni di questa domenica 1° aprile non faranno dunque oscillare l’equilibrio politico attuale nel paese. Ma il ritorno sulla scena politica di Aung Saan Suu Kyi, dopo 15 anni di privazione della libertà, stimolano il popolo birmano che vede la fine di cinque decenni di inflessibile autoritarismo, condotto da uno dei regime più rigidi al mondo. L’opposizione trionfò alle elezioni del 1990. Ma non fu mai riconosciuta la sua evidente vittoria. “Le elezioni di domenica sono un passo storico decisivo e importantissimo” afferma Suzanne Dimaggio, specialista della Birmania presso la Asia Society, un organizzazione con sede a New York City, incaricata di promuovere politiche di sviluppo in Asia. Questo venerdì nel corso di una conferenza stampa, Aung San Suu Kyi, ha tenuto in considerazione eventuali irregolarità delle elezioni stesse “ Non credo che possiamo considerare queste elezioni come libere e giuste se teniamo conto di quanto abbiamo osservato negli ultimi mesi”, ha dichiarato apparendo fragile ma molto determinata. Malata e stanca è stato costretta ad annullare la propria campagna elettorale lo scorso week end. Rimprovera ai suoi avversari di aver vandalizzato la sua campagna, di manipolare le liste elettorali aggiungendo per esempio alle liste nomi di defunti  e di commettere numerosi atti di intimidazione. Nonostante le critiche il leader della LND nel 1991 ha ribadito il suo impegno ad andare avanti “ Siamo sempre determinati ad andare avanti perché è quello che il popolo si augura. Non abbiamo mai fatto compromessi sul piano dei principi. La nostra opinione è che una volta la parlamento, potremo lavorare per una vera democrazia”. Dopo circa un anno, la Birmania moltiplica le sue gesta di apertura. Nel giugno 2011, la giunta militare al potere dal 1962 ha lasciato spazio ad un governo civile, in realtà composta per la maggioranza da anziani militari riformisti, che hanno agito con l’obiettivo di valorizzare l’immagine del paese agli occhi della diplomazia internazionale. Dopo la liberazione nel mese di gennaio, di 651 prigionieri politici, l’Europa ha effettivamente ridotto le sanzioni nei confronti della Birmania. L’insieme delle sanzioni previste per il paese dipendono molto dall’esito delle elezioni di  domenica.        

Manuel Giannantonio

31 marzo 2012

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook