Stati Uniti: Kiev riceverà armi dall’America

Stati Uniti: Kiev riceverà armi dall’America

Mentre la situazione in Ucraina continua a peggiorare da qualche settimana, il governo degli Stati Uniti potrebbe fornire nuove armi alle forze ucraine insieme ad equipaggiamenti difensivi, come affermato dall’autorevole The New York Times

10857323_1034959903186189_9066851343497960661_oNEW YORK – Il quotidiano Americano ha descritto come otto responsabili dell’amministrazione Obama devono pubblicare oggi un rapporto con la richiesta per Washington di inviare a Kiev 3 miliardi di dollari di materiale militare, come missile e droni. Una misura decisa come reazione all’intensificazione degli scontri contro i separatisti filorussi nell’est del paese.

Il segretario di Stato Americano John Kerry e il capo di Stato maggiore, il generale Martin Dempsey, si sono detti aperti sulla discussione mentre il comandante delle forze della NATO in Europa, il generale Philip Breedlove, è favorevole alla fornitura di equipaggiamenti, come sostenuto dal NYT.

Il consigliere nazionale alla sicurezza Susan Rice, fino ad oggi detrattrice di questo sostegno, ha rivisto la propria posizione. “Nonostante rimaniamo concentrati sulla ricerca di una soluzione con mezzi diplomatici, valutiamo senza sosta altre opzioni per creare una soluzione negoziata della crisi”, ha dichiarato al quotidiano newyorchese il portavoce del Consiglio di sicurezza nazionale, Bernadette Meehan.

La NATO e l’Ucraina accusano la Russia di inviare forze militari e approvvigionamenti ma anche munizioni per sostenere l’avanzata dei separatisti filorussi. Mosca smentisce categoricamente questa possibilità negando qualsiasi implicazione diretta. La settimana scorsa, il Presidente Obama ha dichiarato la sua preoccupazione a proposito della violenza degli scontri tra le forze del governo e i separatisti. Ha inoltre spiegato che gli Stati Uniti studiano tutte le possibilità per isolare la Russia, ad eccezione di un’azione militare.

Di Manuel Giannantonio
([email protected])
2 Febbraio 2015

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook