Petrolio: aumento dei prezzi dopo la morte del re saudita

Petrolio: aumento dei prezzi dopo la morte del re saudita
Il re Saudita Abdullah

I prezzi del petrolio compiono un balzo notevole questa mattina, dopo la morte de re Abdullah d’Arabia saudita che ha generato un clima di incertezza in questo paese produttore di oro nero

Il re Saudita Abdullah
Il re Saudita Abdullah

ARABIA SAUDITA – La morte del re saudita, ha indubbiamente creato qualche incertezza nel primo esportatore mondiale di petrolio, principale esportatore dell’Organizzazione dei paesi esportatori di petrolio e membro influente del cartello. La decisione dell’OPEP di mantenere invariato il proprio tetto di produzione lo scorso novembre ha accelerato la decrescita in corso, che è precipitata per un totale del 60%, dopo il mese di giugno.

“L’oro nero potrebbe conoscere un periodo d’instabilità, mentre si pone la questione della ristabilizzazione per il ministro del petrolio, in parte responsabile della decisione di mantenere la quota di produzione”, spiegano gli analisti della banca Saxo. Gli esperti del settore non anticipano tuttavia nessun rovesciamento in virtù della promessa, del fratellastro di Abdallah, circa una continuità nella politica del Regno. Il capo dell’Agenzia internazionale dell’Energia (AIE), Fatih Birol, ha dichiarato che non si attende cambiamenti significativi della politica saudita.

“Il re Salmane potrebbe essere più conservatore sulle questioni sociali, ma non ha nessuna buona ragione di pensare che modificherà profondamente la politica saudita”, ha sentenziato Julian Jessop, dell’Istituto Capital Economics. “Il re Salamane a 79 anni ed è poco probabile che rimetta in causa lo status quo. La politica petrolifere saudita è largamente decisa dai tecnocratici. La ricchezza del regno e delle sue immense riserve petrolifere gli permettono di guardare oltre la debolezza dell’attuale situazione e di pianificare una visione a lungo termine”, prosegue Jessop.

Il consumo petrolifero potrebbe approfittare di un eventuale rimbalzo della crescita in zona euro, se le misure della BCE (Banca Centrale Europea), porteranno i risultati auspicati. Tuttavia, il mercato almeno per ora, resta in fase di stand by a causa della volontà dei paesi del Golfo di mantenere la loro fetta di mercato.

Simbolo Borsa        Prezzo %  Cambio   Volume

ATD.B     TSX               46,37 $         4,32%       1 363 529
BBD.B     TSX               2,75 $           -1,79%       11 374 809
BCE         TSX               58,65 $          1,95%       1 822 946
RY            TSX               74,71 $         -2,48%      8 623 571
SU            TSX               37,05 $          1,79%       3 546 077
TD            TSX               51,84 $          1,75%       3 843 067
AAPL       NASDAQ      112,40 $        2,60%      53 796 409
GOOG     NASDAQ      534,39 $        3,16%       2 669 558
MSFT      NASDAQ      47,13 $           2,64%      35 898 035

Di Manuel Giannantonio
([email protected])
23 Gennaio 2015

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook